Lupi in una foto Dire
Lupi in una foto Dire

Roma, 1 febbraio 2017 - EcoRadicali in sciopero della fame ma non della parola. Fabrizio Cianci, Segretario EcoRadicali – Associazione Radicale Ecologista, ha risposto al ministro Galletti. "Troviamo sorprendenti le dichiarazioni del Ministro dell’Ambiente Galletti che taccia di “populismo” quanti, EcoRadicali inclusi, sono mobilitati contro il piano di riapertura alla caccia al lupo promosso proprio da chi dovrebbe difendere la fauna.

EcoRadicali, l’associazione ecologista di Radicali Italiani, ha promosso un digiuno di dialogo con il Ministro e le Regioni. In queste ore 138 militanti sono impegnati in un digiuno, non di protesta, ma di proposta. EcoRadicali ha messo a disposizione del Ministro Galletti un piano di contenimento in pochi punti e dai costi molto più contenuti di quello ministeriale, contestato persino dalla comunità scientifica.

Galletti, invece di bollarci come “populisti” faccia tesoro dei contributi che provengono dalla società civile. Proponiamo a Galletti un rientro nella legalità:  applicare finalmente la Direttiva Habitat: censire la fauna selvatica e lo stato di salute degli habitat; questa ed altre mancanze oggi costano una condanna e una nuova procedura d’infrazione a carico dell’Italia;
applicare la legge 281/91 sul contenimento del randagismo: legge disattesa da tutte le Regioni;
abolire la caccia nelle “Aree tutelate per legge” ai sensi del Codice del Paesaggio e dei Beni Culturali, al fine di ridurre le pressioni antropiche sugli habitat, creare corridoi ecologici, evitando sconfinamenti e danni per agricoltura. La diminuzione della conflittualità tra popolazioni locali e lupo si lega alla capacità di tutelare gli habitat naturali. L’Italia invece vive un ritorno al passato sull’intera materia ambientale. E il lupo ne è un simbolo. Così il segretario di EcoRadicali.

L'ecologista prosegue: Dopo l’approvazione in Senato, la Camera dei Deputati discuterà la proposta di legge che rivoluziona (in peggio) la Legge sui Parchi. Un provvedimento che non riforma, ma distrugge i parchi permettendo anche la caccia nelle aree protette.
EcoRadicali ha lanciato la campagna #SALVIAMOiPARCHI ( http://ecoradicali.it/2017/01/salviamoiparchi/ ) perché il provvedimento venga respinto dalla Camera, conclude la nota di EcoRadicali.
Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net