MILANO 14 12 2014 - HOTEL PRINCIPE  DI SAVOIA  - PRESENTAZIONE DEL MANIFESTO-APPELLO PER LA COSTITUZIONE  DI ANIMALI CON MICHELA BRAMBILLA  - FOTO MARMORINO-NEWPRESS
MILANO 14 12 2014 - HOTEL PRINCIPE DI SAVOIA - PRESENTAZIONE DEL MANIFESTO-APPELLO PER LA COSTITUZIONE DI ANIMALI CON MICHELA BRAMBILLA - FOTO MARMORINO-NEWPRESS

Roma, 14 dicembre 2014 - "Siamo convinti che sia finalmente arrivato il momento di accogliere, tra i beni e i valori tutelati dai principi fondamentali della nostra Costituzione, l'ambiente, gli ecosistemi e gli animali in quanto esseri senzienti, capaci cioè di provare piacere e dolore e come tali degni non solo di rispetto ma anche di una diversa considerazione giuridica". E' il passaggio saliente dell'appello-manifesto presentato oggi a Milano dal movimento "La coscienza degli animali" e dalla Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, durante un incontro pubblico dal titolo "Animali e ambiente: dal cuore alla Costituzione".

Primi firmatari il professor Umberto Veronesi e l'on. Michela Vittoria Brambilla, fondatrice del movimento La Coscienza degli Animali, che ha definito questo impegno "la madre di tutte le battaglie animaliste". Secondo il manifesto, "nell'attuale fase storica, caratterizzata da profondi mutamenti a livello globale, si va affermando una più moderna concezione dell'uomo e del suo rapporto con la natura, un atteggiamento più consapevole dei limiti entro i quali possiamo disporre delle risorse planetarie e rispettoso del sentimento di empatia che ci lega agli altri esseri viventi. Di questa evoluzione – prosegue il testo - hanno già preso atto, almeno in parte, l'Unione europea con il Trattato di Lisbona e numerose Costituzioni del continente, come quelle di Germania, Austria e Svizzera. Appare strano che non ci abbia ancora pensato l'Italia, paese dallo straordinario patrimonio ambientale e ricco di biodiversità come nessun altro in Europa".

Di qui la richiesta, rivolta al Parlamento, di aggiornare anche su questo punto la Carta costituzionale. All'incontro pubblico hanno partecipato rappresentanti delle 34 associazioni riunite nella Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, l'organizzazione che riunisce le principali realtà attive nella tutela dei diritti e del benessere degli animali, a cominciare dai presidenti (o loro delegati) delle cinque fondatrici: Lav, Enpa, Oipa, Lega del cane e Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente.

"Questa – ha detto l'on. Brambilla, presidente della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente – è la madre di tutte le battaglie animaliste. Credo che vi siano le condizioni politiche e culturali per cambiare prospettiva e adottare una soluzione più moderna nel definire lo status giuridico degli animali: all'alba del XXI secolo non possono essere ancora considerati "cose". Di fronte alla vita, o alla sua negazione, o di fronte alla sofferenza, siamo tutti uguali, umani e non umani. Dobbiamo prenderne atto. Riconoscere in Costituzione che gli animali sono esseri senzienti, come previsto in una proposta di legge che ho presentato nei mesi scorsi, non implica improbabili confronti metafisici tra gli animali e l'Uomo con la U maiuscola, ma significa - banalmente perché la verità è spesso banale – prendere atto dell'esperienza che può fare ogni giorno qualsiasi proprietario di cane o di gatto o chiunque abbia la ventura di imbattersi in un animale selvatico: c'è qualcosa in comune tra noi e loro che ci impedisce di relegarli in una speciale "riserva" dove l'unico diritto valido è il nostro". Per quanto riguarda l'ambiente, prosegue l'ex ministro, abbiamo bisogno in Costituzione di un "precetto di tutela". Non basta, spiega, "l'attuale riferimento al "paesaggio", concetto "soggettivo e meno comprensivo di quello di "ambiente" e di "ecosistemi" che propongo di inserire nell'attuale art.9".
Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net