{{IMG_SX}}Roma, 9 giugno 2008 - Ricette e cartelle mediche solo online: è questa una delle ipotesi allo studio del governo da inserire nella prossima Finanziaria. Una misura, secondo quanto si apprende, che potrebbe partire l'anno prossimo e arrivare a regime nel 2012 e che potrebbe essere accompagnata dalla possibilità di ritirare i medicinali in farmacia senza ricetta ma solo esibendo la tessera sanitaria.

 

Il risparmio stimato con il trasferimento di tutte le prescrizioni mediche su Internet sarebbe di circa il 10%.
L'obiettivo è quello di contenere la spesa pubblica ma facilitare anche l'accesso alle cure. Il governo starebbe anche valutando la possibilità di un tavolo permanente per l'armonizzazione delle politiche della sanità elettronica, con l'obiettivo di realizzare il cosiddetto fascicolo sanitario elettronico, su cui già da un anno è al lavoro un gruppo tecnico.
 

I medici di famiglia dicono sì all'ipotesi di trasferire tutte le ricette mediche sul web, anche se si tratta di un percorso "ancora lungo". Secondo Giacomo Milillo, segretario della Federazione dei medici di famiglia (Fimmg), sarebbe "un'innovazione tecnologica" che ha tutto il sostegno della categoria.

"Era già nell'aria da tempo - spiega Milillo, - noi stiamo lavorando all'elaborazione del fascicolo sanitario elettronico e questa ipotesi fa parte della riorganizzazione della medicina generale, che abbiamo già proposto da un anno e mezzo al governo e alle regioni".


Per Milillo l'iniziativa "richiederà un lungo periodo e molti investimenti. Sono state fatte delle sperimentazioni ma si è ancora lontani dal traguardo finale".