{{IMG_SX}}KARMA e sangue freddo. Ce ne vuole parecchio per sostenere che un terremoto in cui sono morte 70mila persone sia una sorta di punizione divina a un governo che non è stato (testuale) «gentile». La solida tesi scientifica non la si legge nell’ultimo diario di Goebbels, bensì nelle dichiarazioni rilasciate sotto il sole del festival di Cannes dalla diva Sharon Stone a un’emittente di Hong Kong.

«Non mi piace il modo in cui i cinesi stanno trattando i tibetani perché credo che non si dovrebbe essere cattivi con il prossimo. E poi il terremoto e tutto il resto, allora ho pensato, è il karma? Ci capitano cose brutte quando non siamo gentili?».

 Eccola là. Il bello è che Sharon ce l’hanno venduta fino all’altro ieri come una molto intelligente, oltreché gran bionda e supersexy, quoziente intellettivo 154 a 14 anni. Dicevano che a 10 mesi di vita sapeva già parlare e camminare. Poi lo vediamo com’è andata: a 34 anni, le gambette che camminavano a 10 mesi le ha accavallate senza portare le mutande. A 50, invece delle gambe, s’è ridotta ad accavallare il buon senso.