{{IMG_SX}}Roma, 23 maggio 2008 - Scontri si sono verificati alle ore 20.15 al largo Rosa dei Venti, a Chiaiano, tra la gente del luogo e la popolazione di Chiaiano, Marano e Mugnano contrarie alla istituzione di una discarica nelle cave di Chiaiano. Circa 200 tra poliziotti e carabinieri sono venuti a contatto con i manifestanti, circa duemila persone.

 

Sassi sono stati lanciati contro auto della polizia e un autobus è stato incendiato. Le strade che conducono al quartiere sono bloccate. Via Poggio Vallesana è ostruita da cassonetti e rifiuti rovesciati in strada, via Santa Maria a Cubito è presidiata dalla forze dell'ordine in tenuta antisommossa.

 

Secondo i manifestanti ci sarebbero diverse persone ferite anche se al momento non risultano alle forze dell'ordine. Anche il giornalista del Tg3 Romolo Sticchi è stato colpito con il manganello da un agente e gli è stata portata via la telecamera.

 

Alcuni manifestanti per protesta si sono stesi a terra e il traffico è completamente in tilt. Cinque persone sarebbero state fermate, mentre dieci sono rimaste contuse secondo quanto riferiscono rappresentanti dei comitati antidiscarica. Sempre secondo questi ultimi, le forze dell'ordine avrebbero caricato un gruppo in cui c'erano donne e bambini.

 

Nonostante non sia ancora ufficiale riguardo una eventuale apertura delle cave di Chiaiano per essere utilizzate come discarica, la gente è scesa in strada per evitare che i tecnici eseguano delle operazioni di carotaggio, necessarie per l'eventuale apertura della discarica.
Altre proteste sono nate poco distante. Nella vicina Poggio Vallesana, a Marano (Napoli) la gente ha sistemato in strada numerosi cassonetti della spazzatura.