{{IMG_SX}}Roma, 22 maggio 2008 - La Cassazione spiana la strada per equiparare le coppie di fatto alla famiglia legittima. Infatti chi picchia reiteratamente la convivente si macchia del reato di maltrattamenti in famiglia al pari di un uomo regolarmente sposato.

 

E' quanto affermato dalla Suprema corte che, con la sentenza 20647 di oggi, ha confermato il carcere preventivo nei confronti di un 45enne di Torre del Greco che, per anni, aveva picchiato la sua compagna, dalla quale aveva avuto, peraltro, anche una figlia.

 

"Ai fini della configurabilità del reato di maltrattamenti in famiglia - ecco l'importante approdo giurisprudenziale raggiunto da piazza Cavour - non assume alcun rilievo la circostanza che l'azione delittuosa sia commessa ai danni di persona convivente more uxorio. Infatti, il richiamo contenuto nel nostro Codice penale alla famiglia deve intendersi riferito ad ogni consorzio di persone tra le quali, per strette relazioni e consuetudini di vita, siano sorti rapporti di assistenza e solidarietà per un apprezzabile periodo di tempo, ricomprendendo questa nozione anche la famiglia di fatto".