Italia News
 TV   FOTO E VIDEO BLOG SERVIZI LAVORO ANNUNCI CASA
AUSTRIA / NUOVO CASO NATASCHA KAMPUSCH

Tiene segregata la figlia per 24 anni
La violenta e nascono sette bimbi

La donna adesso ha  42 anni. Il caso scoperto dopo il ricovero nell'ospedale di Amstetten di una ragazza di 19 anni, ritenuta essere la primogenita della donna e del padre -padrone Commenta
Dimensione testo Testo molto piccolo Testo piccolo Testo normale Testo grande Testo molto grande

Polizia tedesca Vienna, 27 aprile 2008 - Un nuovo, sconvolgente caso di sequestro è venuto a galla in Austria con la liberazione di una donna tenuta in ostaggio per oltre venti anni da suo padre, dal quale avrebbe avuto sette figli. Lo hanno annunciato gli inquirenti.

 

In condizioni psicologiche e fisiche precarie, Elisabeth Fritzl, 42 anni, ha raccontato alla polizia di aver vissuto segregata nella cantina della casa di famiglia ad Amstetten in Bassa Austria (est) dal 28 agosto 1984. Quel giorno il padre Josef, che oggi ha 73 anni ed è stato rinchiuso in carcere, gli avrebbe somministrato un prodotto anestetico e l'avrebbe ammanettata in una zona dello scantinato.

 

Ufficialmente, era ritenuta scomparsa e aveva anche spedito una lettera ai genitori chiedendo che fossero interrotte le ricerche per ritrovarla. Le autorità ne avevano ricavato la convinzione che fosse finita nelle grinfie di una setta. Invece ha vissuto un autentico calvario nella cantina della casa di famiglia, durante cui suo padre "ha regolarmente approfittato" di lei, come ha detto alla polizia, e dal rapporto incestuoso sarebbero nati sette bambini.

 

Tutti sono stati apparentemente partoriti al riparo da sguardi indiscreti nello scantinato dove viveva reclusa. Uno di loro, un gemello, sarebbe morto un mese dopo la nascita, per mancanza di cure, e il suo corpo sarebbe stato bruciato, secondo gli inquirenti. Tre femmine e tre maschi - che oggi hanno dai 5 ai 20 anni - sarebbero dunque nati dal rapporto incestuoso e dovranno essere effettuati esami del dna per ottenere più informazioni sui legami di parentela.

 

La vicenda è venuta a galla dopo il ricovero a metà aprile di una ragazza di 19 anni, trasportata in condizioni molto gravi all'ospedale di Amstetten. Per determinare la natura della patologia, per il momento misteriosa, di cui soffre la giovane Kerstin, i medici hanno cercato invano di contattare la madre, Elisabeth Fritzl. E' a seguito di queste ricerche che il sequestro è stato scoperto ieri sera.

 

Nel corso degli anni, il padre di Elisabeth sarebbe riuscito ad adottare tre dei bambini (due maschi e una femmina) facendo credere a sua moglie, Rosemarie, e alle autorità che fossero stati abbandonati davanti alla porta della loro abitazione ad alcuni anni di distanza.

 

Al ritrovamento di ogni bambino, di pochi mesi di età, c'era una lettera firmata da Elisabeth che spiegava di non poter far fronte alle loro esigenze perchè aveva già altri figli. Questi tre bambini, dei quali hanno avuto la custodia ufficiale i nonni Josef e Rosemarie, sembra abbiano potuto frequentare normalmente le scuole e vissuto nella loro casa mentre la madre e i loro altri tre fratelli e sorelle (una ragazza di 19 anni, un ragazzo di 18 e un bambino di 5) erano ridotti in condizioni di vegetali nella cantina.

 

Solo il padre li avrebbe in seguito rifocillati, visto che sua moglie ignorava la loro presenza. Secondo sua figlia, Rosemarie non avrebbe saputo nulla degli abusi sessuali subiti dall'età di undici anni. Arrestato ieri sera, Josef si è trincerato nel silenzio di fronte alle accuse che la figlia le ha formulato davanti ai poliziotti. Né i vicini, né i servizi sociali erano stati allertati su questa vicenda, già definita la più drammatica della storia criminale austriaca.

 

Ricorda quella di Natascha Kampusch, tenuta in ostaggio per otto anni e mezzo in uno scantinato nella periferia di Vienna tra il marzo del 1998 e l'agosto del 2006 quando riuscì a fuggire, approfittando di un attimo di disattenzione del suo rapitore. Quest'ultimo si suicidò la sera della fuga.

  • 27/04/2008 23:25
    rina
    Come si può arrivare a tanto?! Sembra incredibile...
  • 27/04/2008 23:34
    Eliana
    Dio mio..non ho parole, davvero solo un gran senso di schifo.
  • 28/04/2008 01:10
    Gianni
    Certe volte mi vien voglia di ripensare il mio no alla pena di morte...con persone cosi' sarebbe superfluo anche provare un reinserimento nella società e l'unica pena possibile diventa la morte
  • 28/04/2008 01:14
    rina
    Questa vicenda ha dell'incredibile, eppure..
  • 28/04/2008 02:54
    Marco
    non ci voglio credere, incredibile, spero sia una cavolata xche va contro tutti i principi morali, che oramai non esistono piu, ma che non credevo potessero arrivare cosi lontano. Comunque in Austria allora sono malati, qualcosa non funziona!!
  • 28/04/2008 08:05
    FRANCO
    senza parole ma cosa si puo' commentare in questi casi??????
  • 28/04/2008 09:17
    gelius
    non so più che dire....non so da che parte cominciare....sono atterrito.!
  • 28/04/2008 09:21
    vanna
    e la madre non ne sapeva nulla? leggenda metropolitana.... che tristezza quando la paura di una donna (la madre) ed il degrado familiare conducono a queste tragedie.
  • 28/04/2008 11:16
    Pier
    che aberrazioni succedono in Austria ......sembra una tragedia ispirata a Schnitzer
  • 28/04/2008 12:57
    eleonora frescobaldi
    Pena di morte con sofferenze atroci!il minimo....
  • 28/04/2008 14:07
    luca
    in 26 anni di vita non penso di aver sentito di peggio! segregare la figlia per 24 anni, violentarla dall'età di 11 anni, relazioni incestuose, ridurre 3 dei 6 figli della vittima a vivere per diversi anni allo stato vegetale, privarli di vivere( e per vivere intendo qualcosa che non si spiega con 2 parole), far crescere gli altri 3 figli senza il calore della madre: ditemi se dopo tutto questo non fareste un referendum per impiantare la pena di morte in Italia e negli altri paesi.
  • 28/04/2008 18:09
    chiara
    senza parole...ma cosa succede nel mondo??resto contraria alla pena di morte..troppo"liberatoria"..ci vorrebbero i lavori forzati a vita tipo lager!e poi la madre nn ne sapeva nulla??in casa sua???ma come si può...
  • 28/04/2008 18:30
    !!!!
    MA CHE IMPOSSIBILE!!A ME SEMBRA POSSIBILISSIMO! BASTA METTERE INSIEME DEVIANZA MENTALE (DEL PADRE) E UNA SORTA DI PAURA, IGNORANZA, INSENSIBILITA'...DIREI SCHIFEZZA (LA MOGLIE) E IL GIOCO E' FATTO...NON è X NIENTE IMPOSSIBILE E NON PENSO CHE SIA LA PRIMA VOLTA! SEMPLICEMENTE ORA LE COSE SI SANNO IN TEMPO ZERO E SONO INCREDIBILI, SONO RACCONTATE...
  • 28/04/2008 20:46
    cecy
    ma in che epoca viviamo? nessuno sà mai niente di nessuno... a questa ragazza, donna oramai è stato negato tutto... son una donna di 41anni ed al solo pensiero che potesse esser successo a me (nonostanto i problemi che vivo quotidianamente) mi fà accaponare la pelle e mi vien la voglia davvero di far soffrire quell'uomo a più non posso....la pena di morte in questi casi è troppo facile!( e pensare che son contro la violenza)
  • 28/04/2008 21:00
    ERIKA
    Ho due bambini e sono profondamente turbata da questa ripugnante vicenda...in 24 anni quante volte si sarà chiesta "perchè a me" e "perchè mio padre"? Non ci si può riprendere da una situazione simile.Quante vite distrutte per colpa di una bestia
  • 28/04/2008 21:24
    Agata
    sono disgustata e amareggiata ho 60 anni e non ho mai sentito uno schifo simile. Eppure ho 60 anni, ma che dire non so ma questo schifoso lo farei a pezzettini e lo darei in pasto non so a chi.
  • 29/04/2008 09:00
    gabriele
    la bibbia c'e' l'avete messa VOI di mezzo,un vorrei che qualche cristiano, fraintendesse, solo per essere chiari, grazie.ciao
  • 29/04/2008 11:09
    Antonio
    Ed il nostro caro d'alema e' cosi' felice di aver fatto approvare la moratoria sulla pena di morte ?? per fortuna non conta praticamente nulla. in questa unica cosa devo dire W la Cina. la' questo signore (l'austriaco ) sarebbe gia' mangime per i vermi, schifoso.
  • 29/04/2008 11:34
    MERY
    Spero tanto che la figlia venga curata dentro e fuori e che riesca a vivere.
  • 29/04/2008 15:36
    malessa
    Si è terribile ma è ancora più terribile il fatto che non pagherà mai abbastanza per una cosa così indescrivibilmente orribile, quest'"uomo" ha 73 anni è ormai un vecchio quanti ne passerà in galera? pochissimi considerando che ha passato tutta la vita a rovinarne altre 8. La moglie sapeva tutto, come poteva non sospettare niente? erano sotto i suoi piedi... ma non ha fatto niente mi domando abbia potuto tacere.Per me è colpevole quanto lui. Ma la cosa più triste è che nessuno (per quanto loro possano pagare) ridarà a questa ragazza la sua vita nessuno gli potrà restituire tutte le esperienze che per tutti noi sono state scontate sia a lei che hai suoi figli.
  • 29/04/2008 17:01
    neva
    come dice il mio amico filosofo la differenza tra ieri e oggi e' che oggi per fortuna se ne parla , quello che non cambia e'la trama , siano esse figlie mogli amanti o semplici passanti , la vittima e' sempre lei, alla faccia della sempre sbandierata superiorita maschile
  • 29/04/2008 18:32
    tony
    mi chiedo cosa faranno adesso le autorità spero che non siano come quelle italiane chè perdonano ogni cosa a morte lo devno mandare ma che sia una morte lunghissima e dolorosissima poi lo devono resuscitare e ucciderlo di nuovo e non mi vergogno di quello che ho scritto
  • 30/04/2008 08:01
    anjel
    non ci sono parole,il mondo è malato!
  • 30/04/2008 23:57
    Mariella
    Se certi fatti succedono è perchè i governi maschilisti lo permettono. Le donne sono spesso considerate possesso anzichè persona . E' vergognoso! La donna non usufruisce, nella Storia del passato e nella Vita contemporanea, di pari mezzi e dignità degli uomini! Il 50% della popolazione è FEMMINILE e INTELLIGENTE e l'uomo con la propria stupidità ha raddoppiato il tempo della propria evoluzione! Peccato si poteva fare ogni cosa meglio, in metà tempo e con ugual rispetto delle parti!!!
  • 01/05/2008 00:58
    ernesto sossi
    rivolgo a tutti voi un'appello ....qualcosa si può fare ....non abbandoniamola....per il suo recupero ci vogliono specialisti e non solo ...se qualcuno di voi conosce come inviare un sostegno economico lo prego cortesemente di di informarmi al più presto ...premessso che non ho un lavoro ma 50,00euro le donerei per il suo recupero la sua sofferenza ha bisogno di molte cure ma soprattutto arrivare ad essere istruita tutta la famiglia per capire il più possibile la mente umana e solo così ci potrà essere la speranza che su quel terreno nasca un fiore per molto tempo non hanno ricevuto luce e la conoscenza e la sola luce ....grazie a tutti coloro che parteciperanno al mio appello .
  • 01/05/2008 17:13
    giò
    la realtà supera veramente la fantasia..........la moglie non sapeva????e i vicini che sono sempre i primi a sapere cosa succede a tizio, caio.......
  • 02/05/2008 11:30
    silvia
    questa è in assoluto la cosa più raccapricciante che ho sentito in vita mia!
  • 02/05/2008 14:21
    Carla
    Di fronte ad un avvenimento del genere mi sento assolutamente senza parole, Mi sembra impossibile eppure è successo. Comunque penso che la moglie non poteva non sapere. O è deficiente oppure qualche sospetto lo doveva pure avere, almeno perchè non le era permesso di andare nel bunker. Quest'uomo è un pazzo...no anzi è molto di più, forse non è nemmeno un uomo ma nemmeno si può dire una bestia..le bestie non commettono cose così orripilanti!
  • 02/05/2008 17:46
    GRAZIANI DOMENICO
    sono contro la pena di morte, pero il caso dell'austriato stupratore e barbaro carceriere della figlia, merita la morte lenta epiu' dolorosa che ci possa essere, cosi' pure quelli che l'hanno aiutato. domenico graziani
  • 02/05/2008 18:29
    jac68
    Quando si commenta la pena di morte, quando si è contro la pena di morte... A tutti loro, in questo caso, con che mezzo mi potete far convincere che di fronte a questi fatti non vi è altra soluzione che la pena capitale. Previo anche un lungo periodo di lavori forzati. Che orrore e che pena per queste povere persone che hanno subito una ingiustizia inaccettabile.
  • 03/05/2008 08:32
    Acquastanca
    La legge è per gli uomini,le bestie ripugnanti come quello bisogna schiacciarle. C'è qualcuno che gli trova attenuanti? senza seghe mentali da garantisti pseudosanti in malafede, intendo. Io non sono un fascista, nè un giustiziere della notte; ma il troppo è veramente troppo, qui si è andati fuori da tutti gli schemi del tollerabile. Proposta: se proprio non si può fare altro, va bè, allora mettiamolo in carcere, ma in cella comune, non isolato dagli altri carcerati. Sapranno "loro" che farsene, se "noi" siamo troppo delicati di stomaco.
  • Sono presenti 31 commenti
 

Cerca  su Quotidiano.net nel Web

LA FOTO DEL GIORNO

Pamela Anderson col figlio Brandon Thomas Lee

Cuore di mamma

Pamela Anderson col figlio Brandon Thomas Lee prima della partita di basket Nba tra Charlotte Bobcats e Lakers al Staples Center di Los Angeles. Ma l'ex bagnina protegge il piccolo dai fotografi o dalla vista delle majorette?