{{IMG_SX}}Roma, 24 aprile 2008 - Gli esponenti della Lega "hanno un linguaggio iperbolico e metaforico che non funziona e che devono assolutamente cambiare". Lo ha ribadito il leader del Pdl Silvio Berlusconi durante in un'intervista a 'Rete Oro'.


Il Cavaliere spiega di aver "pubblicamente invitato i protagonisti della Lega a non usare questo tipo di linguaggio" o espressioni come 'Roma ladrona'. Tuttavia, sottolinea, quella è un frase non indirizzata alla città e ai romani ma "verso la casta politica e burocratica".

Il premier in pectore si è espresso anche su un altro tema caldo del momento, la sicurezza: "Io credo che sia lo Stato che deve avere competenza" in materia di sicurezza e quindi "non condivido questo tipo di autodifesa da parte dei cittadini" ha detto Berlusconi nella stessa intervista all'emittente romana 'Rete Oro'.


Ha poi anche parlato delle prime azioni del nuovo governo: "Introdurremo un bonus di 1000 euro per quelle famiglie in cui si registra un nuovo nato", ribadisce. E a chi gli chiede se bonus possa essere erogato anche per chi non è spostato, il leader del PdL risponde: "Si', per la nascita di un bambino le spese ci sono comunque. E' giusto che i soldi siano conferiti alla mamma che deve affrontare le spese di un bambino nei primi mesi di vita, che non sono poche".

 

CORSA AL CAMPIDOGLIO

"Veltroni lo abbiamo già rispedito in Africa e speriamo si trovi bene. Ora tocca a Rutelli: invece dell'auto blu restituiamogli il motorino che gli piace tanto". Con queste parole il leader del Popolo della libertà, Silvio Berlusconi, ha esortato la piazza della manifestazione di chiusura della campagna elettorale a scegliere Gianni Alemanno nel ballottaggio per il sindaco di Roma di domenica prossima.

 

"Liberiamo Roma dai comunisti - è stato l'invito di Berlusconi - dai catto-comunisti e dai Verdi. Vogliamo una Roma più bella". Quindi ironizzando sulla pioggia che ha bagnato tutta la manifestazione risparmiando soltanto il suo intervento, Berlusconi ha detto: "Avete visto, con me non si può dire 'piove Governo ladro'".

 

ALITALIA

I dubbi dell'Unione europea sul prestito ponte per Alitalia? "Adesso la fanno difficile. L'Unione europea deve aiutare le cose giuste e non creare difficoltà". Lo ha detto Silvio Berlusconi conversando con i cronisti a margine della manifestazione elettorale per Gianni Alemanno. "Io non sono preoccupato - ha aggiunto il futuro premier - il prestito ponte era l'unica cosa da fare", anche perchè "Alitalia non si poteva far assorbire dai francesi. Noi dobbiamo avere la nostra compagnia di bandiera". Quanto ai dubbi espressi da Bruxelles, il leader del Pdl ha aggiunto: "Non preoccupatevi di questi problemi. La Ue deve aiutare le cose giuste e non creare difficoltà".