{{IMG_SX}}Milano, 10 aprile 2008 - L'ex componente del gruppo di fuoco di Prima Linea, Roberto Sandalo, è stato arrestato questa mattina dalla Digos di Milano con l'accusa di essere stato coinvolto in una serie di attentati che, nei mesi scorsi, hanno colpito moschee e centri culturali islamici a Milano.

Secondo il sostituto procuratore Maurizio Romanelli che coordina l'inchiesta, Sandalo avrebbe dato vita ad una organizzazione denominata Fronte Cristiano Combattente.

 

Il nome di Roberto Sandalo irrompe clamoroso nell'inchiesta milanese sugli attentati alle moschee e ai centri culturali islamici dei mesi scorsi a Milano anche se il 50enne protagonista degli 'anni di piombo' tra le file del terrorismo di sinistra come militante di Prima Linea prima e come 'superpentito' poi, era già tornato all'onore delle cronache nel settembre 2007 perchè individuato ad una manifestazione anti islam.

Non solo, qualche anno prima il suo nome venne accostato anche a quelle delle 'camicie verdì vicine alla Lega Nord ma la cosa venne poi smentita e si parlò di 'provocazionì e della sua eventuale presenza come di 'infiltratò. Sandalo fù uno dei primi aderenti al gruppo di Prima Linea diventato famoso come 'Roby il pazzo' per la sua propensione alle attività violente.