{{IMG_SX}}Napoli, 29 febbraio 2008 - Il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, è stato rinviato a giudizio nell'ambito del procedimento per le presunte irregolarità nella gestione del ciclo dei rifiuti. Lo ha deciso il gup di Napoli Marcello Piscopo. Con Bassolino sono state rinviate a giudizio altre 27 persone. Il processo verrà celebrato presso la quinta Sezione collegio C il 14 maggio prossimo.

 

LA PROTESTA A GIUGLIANO

Una donna si è cosparsa di benzina e si è data fuoco dinanzi il cancello posteriore della discarica in località Taverna Del Re a Giugliano, in provincia di Napoli. La donna, in compagnia di un'altra cittadina contraria alla riapertura del sito si è cosparsa di benzina e si è data fuoco, ma è stata prontamente soccorsa dai poliziotti che prestavano servizio fuori la discarica. La donna è stata trasportata presso l'ospedale La Schiana di Pozzuoli. Non si conosco, al momento, le sue reali condizioni di salute.

 

Le proteste a Giugliano erano ricominciate ieri dopo che un'ordinanza del Commissario straordinario per l'emergenza rifiuti in Campania, Gianni De Gennaro, aveva stabilito la riapertura del sito di Taverna Del Re per cinque giorni per poter permettere il regolare svolgimento del lavoro dei Cdr.

 

La donna è stata giudicata guaribile in 20 giorni ed è stata dimessa subito dopo la visita dei sanitari dell'ospedale. Lucia De Cicco, 46 anni, ha riportato lievi ustioni al viso. L'iniziativa di protesta era iniziata questa mattina, quando la donna residente a Giugliano, si era incatenata insieme ad un'altra concittadina ad un cancello posteriore della discarica di Taverna del Re. Solo in un secondo momento si sarebbe cosparsa di liquido infiammabile e si sarebbe data fuoco. Intanto da ieri sera lo stoccaggio di ecoballe sta procedendo regolarmente nonostante le manifestazioni di protesta ed il presidio dei cittadini dinnanzi al sito.