BOLOGNA, 17 marzo 2017 - 18mila morti, tanto è costato lo tsunami che nel 2011 colpì il Giappone e la località di Fukushima. Ma i nipponici, per dimostrare che la regione sta mostrando incoraggianti segnali di crescita, hanno deciso di renderla sede olimpica per le partite di baseball e softball della rassegna 2020.

Infatti, il Comitato Olimpico Internazionale, riunito a Pyeongchang, ha annunciato che una parte degli incontri del torneo di baseball verrà disputata all'Azuma Stadium di Fukushima, mentre gli incontri principali rimarranno allo Yokohama Stadium di Tokyo. L'intento è mostrare al mondo la capacità di ripresa della cittadina devastata dal terremoto.