(ANSA) - FIRENZE, 7 OTT - "Ieri sera non si è divertito nessun italiano, si sono divertiti solo i macedoni". Così Gianni Rivera a margine della sua partecipazione a Firenze al Festival del calcio. "Pensavamo che la partita con la Macedonia sarebbe stata più facile ma forse siamo stati noi a renderla meno semplice - ha continuato l'attuale presidente del Settore Tecnico della Figc ospite di un dibattito sul 'Rinascimento del calcio' - Comunque sapevamo che avremmo dovuto affrontare gli spareggi". E alla domanda se all'Italia di Ventura non serva inserire qualche giovane talento, come Federico Chiesa, per trasmettere più entusiasmo e freschezza ha risposto: "Tutti coloro che hanno qualità tecniche e caratteriali possono dare il loro contributo e questo vale per tutti, a iniziare dai giovani. Fermo restando che un giocatore da solo non può cambiare una squadra, non ci riusciva neppure Pelè".