Atene, 5 dicembre 2017 - Massimo risultato con il minimo sforzo per la Juventus, che sbanca il Pireo di Atene per 0 a 2 grazie ai gol di Cuadrado e Bernardeschi e si assicura il pass per gli ottavi di finale di Champions League. Dopo un ottimo avvio, culminato con la rete del vantaggio, la Vecchia Signora si limita a controllare la gara, senza però affondare il colpo. E così l'Olympiacos prende coraggio e campo, trovando però sulla sua strada un grande Szczesny, decisivo in almeno un paio di occasioni. I padroni di casa mettono paura ai bianconeri colpendo un incrocio dei pali con Ben Nabouhane, ma nel finale Bernardeschi mette in cassaforte la vittoria.

Risultati e classifiche finali dei gironi 

LA CRONACA - Allegri torna al 4-2-3-1, ma è costretto a rinunciare sia a Buffon che a Pjanic, oltre che naturalmente a Chiellini: al loro posto tocca rispettivamente a Szczesny, Matuidi e Barzagli. In attacco ritrova un posto da titolare Cuadrado, che affianca Dybala e Douglas Costa nel terzetto alle spalle di Higuain. Auterevole la partenza della Juve, che prende in mano fin da subito il pallino del gioco. I bianconeri non impiegano molto per costruirsi la prima chance: al 6' De Sciglio imbecca Dybala nell'area avversaria, l'argentino dopo un dribbling prova a indirizzare la sfera sul palo più lontano, chiamando Proto al gran intervento.

I campioni d'Italia continuano ad attaccare e al 15' sbloccano il punteggio a seguito di una splendida azione, iniziata da Matuidi e conclusa da Cuadrado che, servito dall'assist al bacio di Alex Sandro, non può sbagliare a porta vuota. Nonostante il vantaggio bianconero, il leit motiv del match non cambia. I ragazzi di Lemonis faticano non solo a farsi vedere dalle parti di Szczesny, ma perfino a superare la metà campo. Al 24' Cuadrado ha la palla del raddoppio sul passaggio filtrante di Higuain, ma Proto è provvidenziale in uscita. Dybala e compagni controllano il ritmo, peccando però nell'ultimo passaggio. I greci provano ad approfittarne e al 41' Szczesny deve superarsi sul colpo di testa su azione da calcio d'angolo di Djurdjevic. Lo straordinario riflesso del numero uno polacco consente agli ospiti di andare negli spogliatoi sullo 0 a 1.

JUVE_27289362_221941

Al rientro, la Juve sceglie di lasciare ai greci il possesso palla, cercando di sfruttare le ripartenze. I piemontesi sbagliano molto però, dando fiducia all'Olympiacos. I biancorossi sfiorano il pareggio al 57' con Marin, che viene murato all'ultimo dal sempre presente Szczesny. La sfida prosegue senza grossi sussulti fino all'81', quando Ben Nabouhane colpisce clamorosamente l'incrocio dei pali da due passi dalla porta bianconera. Scampato il pericolo, Madama si rende finalmente pericolosa con Bernardeschi, che appena entrato scalda i guantoni di Proto. Il numero uno dei locali non può nulla tre minuti più tardi, quando lo stesso Bernardeschi lascia partire un sinistro che si infila nell'angolo più lontano. L'ex Fiorentina mette così la firma su un successo che significa ottavi di finale, ossia il primo obiettivo stagionale per la Vecchia Signora.

Rivivi la diretta testuale

Champions League, tabellone risultati e classifica in tempo reale

Il tabellino

Olympiacos: Proto; Elabdellaoui, Engels, Nikolaou, Koutris; Tachtsidis, Romao, Odjidja (20' st Fortounis); Pardo, Djurdjevic (26' st Ben Nabouhane), Sebà (1' st Marin). A disp. Choutesiotis, Botía, Gillet, Androutsos. All. Lemonis 

Juventus: Szczesny; De Sciglio, Barzagli (24' st Rugani), Benatia, Alex Sandro; Khedira, Matuidi; Cuadrado (38' st Bernardeschi), Dybala (22' st Pjanic), Douglas Costa; Higuain. A disp. Pinsoglio, Asamoah, Marchisio, Mandzukic. All. Allegri.  

Arbitro: Borbolan (Spa). 

 

Le Capitane