ROMA, 7 ottobre 2017 – C'è entusiasmo, tanta voglia di Lazio nella Capitale. Nonostante la sosta del campionato per le Nazionali, questa mattina 2000 tifosi si sono diretti verso il centro sportivo di Formello, dove era in programma la partita amichevole dei biancocelesti contro il Real Rocca di Papa. Risultato rotondo, con gli uomini di Inzaghi che si sono imposti per 14-0, ma quel che conta più di tutti, è l'affetto della gente per i propri beniamini. C'è un coro per tutti, un applauso per chiunque tocchi il pallone. La folla si alza all'ingresso di Inzaghi, il vero trascinatore, l'uomo del cambiamento e dell'inversione di rotta, il collante di uno spogliatoio prima frazionato e diviso, adesso vera forza di questa squadra. Un successo senza ombra di dubbio, che può diventare un'arma in più per il resto della stagione.

CAICEDO – Arrivato in punta di piedi, fortemente voluto dalla società, che per averlo ha deciso di occupare l'ultima casella per il tesseramento di un giocatore extracomunitario a disposizione. Felipe Caicedo ha lavorato duro fin dal suo arrivo a Roma, e si è dimostrato un giocatore prezioso per la squadra biancoceleste: “Ho avuto la fortuna di aver giocato in tanti paesi, in Svizzera ci sono tanti giovani. Poi ho giocato al Manchester City, in Inghilterra il calcio era più intenso. In seguito la Spagna, prima di arrivare alla Lazio: qui in Italia c’è più tattica e più fisicità, mi piace molto questo, anche perché mi trovo a competere con grandi campioni. Sto conoscendo una diversa cultura del calcio. Stiamo disputando l’Europa League, una competizione molto importante, ricca di squadre forti. Dobbiamo far bene anche lì, giochiamo quasi ogni settimana ed è importante ogni sfida: in Europa, rispetto al campionato, non ti puoi permettere di disputare una partita con atteggiamento troppo difensivo. Ci sono sempre in palio i tre punti ed è un torneo importantissimo”, ha dichiarato ai canali ufficiali della società. “Le gare con Vitesse e Zulte Waregem? In Olanda eravamo passati in svantaggio, ma abbiamo reagito nel migliore dei modi. La gara ci ha dato fiducia e abbiamo vinto anche la seconda giornata; senza tifosi è stato difficile portare a casa i tre punti, ma siamo riusciti comunque ad offrire una grande partita. Ho realizzato la mia prima rete in biancoceleste, sono contento e ora sto già pensando al Nizza. In questo momento la squadra sta molto bene, ma ci attende una partita molto delicata con il Nizza. I francesi sono un gruppo di livello, ma noi possiamo far bene testando, in questo modo, le nostre capacità. Lo scorso anno il Nizza ha condotto un ottimo campionato e può vantare grandi individualità come Balotelli. Siamo coscienti del fatto che sarà una partita molto importante per noi, possiamo restare in alto nel girone facendo una grande partita”, ha concluso l'ecuadoregno.