Roma, 18 giugno 2017 - La Lazio pianifica il suo mercato. In attesa di ufficializzare il passaggio di Lucas Biglia al Milan per 20 milioni, e di trovare una sistemazione per Keita Balde Diao, Lotito e Tare stanno trattando su vari fronti per rinforzare la squadra e sostituire i partenti. Il primo appuntamento fissato è quello con Stefan De Vrij. Il difensore olandese alla fine potrebbe rimanere nella Capitale, rinnovando il suo contratto e inserendo una clausola. Rispetto a qualche settimana fa c'è sicuramente più positività, visto che il suo addio sembrava essere diventato ormai scontato. Dopo aver risolto queste situazioni, si passerà all'azione per sbloccare alcune trattative per il momento lasciate in stand by. Per gli esterni si cerca un jolly, e al momento è caldo il fronte che dovrebbe portare a Widmer dell'Udinese, cercato anche dal Napoli. I biancocelesti sono al momento in vantaggio, e sperano di chiudere presto la trattativa per regalare lo svizzero a Inzaghi.

A centrocampo invece, il primo nome sulla lista è quello di Marteen De Roon, ex Atalanta, ad oggi al Middlesbrough, retrocesso in questa stagione dalla Premier League. Per portarlo a Roma servono però ben 13 milioni di euro, e al momento la prima offerta di 9/10 milioni è stata rifiutata e rimandata al mittente. In alternativa si seguono anche Joao Moutinho 31 anni del Monaco, e Gonalons del Lione, che di anni ne ha 28, e che vuole lasciare la Francia per misurarsi con un altro campionato. In attacco invece potrebbero arrivare ben due rinforzi. Il primo per sostituire Keita, un altro per affiancare Immobile nelle tre competizioni. I biancocelesti hanno trovato un accordo di massima con El Papu Gomez, e adesso dovranno discutere con l'Atalanta il prezzo del suo cartellino. I bergamaschi per cedere il loro gioiello chiedono però 20 milioni, una cifra che sembra tagliare fuori la Lazio dalla corsa all’argentino. Si è raffreddata invece la pista che portava a Muriel. Anche Roma e Inter seguono con interesse il giocatore, e la tanta concorrenza potrebbe far scatenare una vera e propria asta di mercato, facendo lievitare il prezzo del cartellino del colombiano, propenso a lasciare la Sampdoria.