Waregem, 6 dicembre 2017 – Ultima gara del girone di Europa League per la Lazio, che domani al Regenboogstadion affronterà lo Zulte Waregem, formazione belga già battuta all'Olimpico. Sia per la squadra di Simone Inzaghi, sia per quella allenata da Francky Dury, la sfida di domani conterà poco in termini di risultati, visto che i percorsi di entrambi sono stati già decisi. I biancocelesti comandano il girone, seguiti dal Nizza. Lo Zulte invece, è fuori dai giochi, dopo la sconfitta contro i francesi di due settimana fa. In conferenza stampa, nel giorno di vigilia del match, è intervenuto Simone Inzaghi, che parlato così della sfida: "Penso che se meritano è giusto farli giocare. I ragazzi che in questi due anni hanno giocato è perché se lo sono meritato. Miceli è un ragazzo molto serio che si impegna. C'è la possibilità possa giocare dall'inizio. Ma vedremo domani mattina. Sono contentissimo di Murgia, è in continua crescita è un ragazzo che migliora di partita in partita. Ora ha davanti a sé Leiva, Milinkovic e Parolo che è difficile togliere perché uniscono qualità e quantità. Ma Alessandro si è tolto già tantissime soddisfazioni facendoci vincere la Supercoppa. Poi gioca anche in Under21 motivo per noi di grande soddisfazione. Crecco e Palombi stanno trovando poco spazio, ma vedremo a gennaio se andranno a giocare altrove", ha dichiarato il tecnico piacentino. "E' una partita importante perché domani cambieranno molti giocatori. Vorrò vedere lo stesso approccio. So che siamo qualificati come primi ma voglio vedere una squadra che si giocherà la propria partita. Nel secondo tempo vedremo Felipe che si allena con noi a pieno regime da giorni senza sentire dolore. Ho forzato un po' i tempi per il rientro, ora spero di vederlo al meglio. Wallace si è allenato solo stamane. Non vogliamo correre rischi ma se andrà bene anche lui avrà possibilità di giocare", ha proseguito.

Inzaghi parla poi anche di Lukaku, tra i più positivi in questo inizio di stagione: E' un giocatore molto importante, che ci aiuta tanto. Si sta alternando con il nostro capitano, è entrato in tante partite consentendoci di alzare il baricentro. E' un giocatore su cui punto molto. Sta migliorando tanto, speriamo che non abbia più problemi fisici ma è molto importante per la mia squadra". Chiosa finale sullo stadio della Lazio: "Mi piacerebbe essere il primo allenatore a giocare nel nuovo stadio. Siamo stati in diversi stadi di avanguardia, anche di squadre inferiori alla Lazio. Non vedo perché anche noi non dovremmo farlo".