Milano, 2 gennaio 2018 – L’Inter corre ai ripari in difesa e a centrocampo, poi si lascerà un possibile colpo in canna offensivo. Dietro, vista l’attuale emergenza di centrali, il direttore sportivo Piero Ausilio farà arrivare in anticipo a Milano sui tempi il classe 1999 Alessandro Bastoni. Già di proprietà dell’Inter, il ragazzo sta giocando poco a Bergamo con Gasperini e per la società nerazzurra è logico prelevarlo per tamponare la falla difensiva, che ora vede Ranocchia e Skriniar titolari con Miranda infortunato. Le cifre dell’affare sono basate sui bonus: l’Inter aveva concesso una parte all’Atalanta legata al rendimento di Bastoni a Bergamo, dall’altro la Dea aveva preteso un bonus legato alle presenze di Bastoni a Milano. Con Bastoni poco utilizzato e richiamato alla casa madre il capitolo bonus andrà rivisto, magari alzando la parte destinata all’Atalanta quando il ragazzo avrà indossato la maglia dell'Inter.  A centrocampo invece prosegue la telenovela Ramires. Il mediano ha già scelto Milano e la dirigenza nerazzurra sfrutterà questo fattore per strappare condizioni favorevoli dallo Jiangsu Suning. L’affare ha subito dei rallentamenti ma dalla Pinetina traspare fiducia sul fatto che in un modo o nell’altro Ramires sbarcherà a Milano.

IMPOSSIBILE PASTORE – I problemi invece sorgono sui rinforzi offensivi. I nomi sondati dall’Inter difficilmente si muoveranno o costano comunque troppo. Mkhitaryan è stato dichiarato incedibile da Mourinho, visto che il tecnico ha le rotazioni contate con gli infortuni di Ibra e Lukaku, e anche il possibile inserimento di Joao Mario non farebbe cambiare idea al tecnico portoghese. Gli altri costano. Javier Pastore non verrà lasciato andare dal Psg con formule diverse dalla cessione definitiva, l’Inter non può competere a cifre così elevate. Caduta anche l’ipotesi di uno scambio con Joao Mario, i parigini non vogliono contropartite tecniche. Complicatissimo anche arrivare a Deulofeu. Lo spagnolo è chiuso a Barcellona ma anche in questo caso non è possibile imbastire una trattativa legata al prestito con diritto di riscatto. Tutti cercano di monetizzare ma senza uscite l’Inter non può spendere corpose cifre sul mercato.