Bologna, 12 settembre 2017 - Si aspettava di essere titolare, invece è partito dalla panchina. Sebastien De Maio è subentrato nel secondo tempo di Bologna-Napoli, mostrando un atteggiamento negativo per essere stato relegato in panchina a favore di Filip Helander. Un leggero gesto di disappunto colto dalle telecamere televisive, con il francese che successivamente non ha per nulla brillato in campo sbagliando appoggi facili forse per via della scarsa concentrazione. L'atteggiamento generale non è piaciuto alla platea, ma il roccioso difensore francese si è confrontato con i compagni chiedendo immediatamente scusa per l'accaduto. Il gruppo è sano, nonostante i diverbi tra Pulgar e Verdi per una punizione nel corso di Bfc-Napoli e quanto mostrato da De Maio al momento dell'ingresso. In sintesi, tutti i casi emersi domenica sera sono prontamente rientrati all'interno delle mura degli spogliatoi rossoblù. Tutti uniti verso Firenze.

SAPUTO PER L'INTER - Novità anche sul fronte Saputo. Il presidente del Bologna dovrebbe tornare in città per il turno infrasettimanale di martedì prossimo quando i rossoblù ospiteranno al Dall'Ara l'Inter. Il canadese dovrebbe fermarsi per qualche giorno a Bologna, dove incontrerà le istituzioni per un aggiornamento sul percorso amministrativo del progetto stadio, l'associazione Futuro Rossoblù che da tempo ha richiesto un incontro e ovviamente la compagine dirigenziale per fare il punto della situazione sul Bologna. Non solo, il 30 settembre allo stadio Dall'Ara di Bologna è in programma la Santa Messa di Papa Francesco, i cui costi saranno sostenuti da Saputo stesso. Per questo motivo nei prossimi giorni l'Arcivescovo Matteo Maria Zuppi chiamerà di persona il chairman canadese per ringraziarlo dell'iniziativa. Per quanto riguarda il calendario del Bologna, proprio per la visita del Santo Padre nel capoluogo felsineo, il club rossoblù ha ottenuto l'anticipo al sabato sera della partita Sampdoria-Bologna di Marassi.