Roma, 7 ottobre 2017. Questa sera il bomber giallorosso Edin Dzeko è stato in campo dal primo minuto e con la fascia di capitano al braccio nel match di qualificazioni ai mondiali di Russia 2018 contro il Belgio. A vincere l'incontro sono stati i Diavoli rossi che, sebbene non si siano potuti affidare alle giocate di Radja Nainggolan lasciato ancora ai margini della squadra dal ct Martinez, si sono imposti per 4 reti a 3. Una valzer di goal al quale non ha partecipato l'attaccante giallorosso Edin Dzeko costretto a fare da spettatore, in campo, della sua squadra bella ma non abbastanza da imporsi contro un Belgio più cattivo.

HYSAJ: "ROMA, MANCHESTER CITY E INTER SARANNO GARE BELLE E DIFFICLI MA SAREMO PRONTI". Si avvicina inesorabilmente il big match Roma-Napoli, vero derby del Sud. Il difensore azzurro Elseid Hysaj ha parlato ai microfoni di Sky Sport della gara di cartello che, come ha detto l'ex giallorosso Mario Rui, dirà molto delle reali ambizioni dei partenopei in questa stagione. "Siamo primi in classifica, ma servono altre vittorie per allontanarci. Noi continuiamo il nostro lavoro a testa bassa e ovviamente speriamo di vincere lo scudetto, ma ci sono ancora tante partite" - dice il calciatore albanese - "Con Roma, Manchester City e Inter saranno partite belle e difficili, ma saremo pronti. Stiamo migliorando da due, tre anni e ci stiamo avvicinando alla Juventus. Speriamo di migliore sempre e ottenere risultati”.

BRUNO GIORDANO: "TOTTI? HA FATTO TANTO PER ROMA. UN GIORNO LO CAPIRANNO ANCHE I LAZIALI". Ricevere un riconoscimento da un avversario è più importante attestato di stima che si possa ricevere. Francesco Totti nella sua lunga carriera di riconoscimenti, ufficiali o meno, ne ha ricevuti tantissimi. Oggi arriva anche quello di Bruno Giordano, bandiera biancoceleste, maglia che ha indossato per 10 anni. "I tempi cambiano ma certi atteggiamenti no. Guardate Totti. È stato un grande per questa città" - dice l'ex calciatore - "Lasciamo perdere come giocava, che lo vedeva chiunque che si trattava di un genio. Ma quel che ha fatto per Roma. Un giorno lo capiranno anche i laziali". Giordano poi si augura che a Roma si possa riuscire ad andare oltre gli steccati delle opposte tifoserie per costruire, sull'esempio di Totti, qualcosa di buono per la città. "Sarebbe bello se qui fossimo più uniti, al di là delle rivalità di club" - conclude il commentatore sportivo - "A cui siamo tutti legati eh, per carità. Quando Chinaglia voleva vendermi alla Roma, io gli dissi: ma sei pazzo? Non potrei mai più girare per strada. Non lo farò mai".