Capo d'Orlando, 2 ottobre 2017 - L'Europa da stasera non è più solo un sogno per Capo d'Orlando. La SikeliArchivi ribalta il -1 patito all'andata in terra russa, strapazzando l’Avtodor Saratov con il punteggio di 92-59, e accede così alla fase a gironi della Champions League. In un PalaFantozzi ricolmo di gente e di passione, i padroni di casa non mostrano alcun tipo di ansia da prestazione, prendendo il largo sin dall'avvio. Gli ospiti firmano la tripla d'apertura e al 3' guidano 6-7, ma è un fuoco di paglia perché i siciliani trovano ritmo in attacco e palle recuperate in difesa, che si tramutano nel +12 di fine primo quarto (21-9).

L'intensità della formazione paladina non cala nella seconda frazione, inaugurata dalla bomba di Alibegovic e dal contropiede di Wojciechowski (miglior marcatore dell'incontro con 17 punti). Toccato il massimo svantaggio, i viaggianti piazzano un break di 6 a 0, ma l'Orlandina risponde immediatamente al tentativo di riavvicinamento degli avversari. Il Saratov è comunque più presente e dopo la gran schiacciata di Edwards, i russi infilano due triple consecutive per il -9 (38-29) con cui le due squadre vanno negli spogliatoi.

Al rientro sul parquet, gli uomini di coach Di Carlo mettono in chiaro le cose, rialzando il volume in difesa e timbrando subito un parziale di 7 a 0. Il canestro pesante di Kulboka regala ai suoi il +18, vantaggio che si dilata fino al 67-44 con cui va in archivio il terzo quarto. Gli ultimi dieci minuti sono una pura formalità per l'Orlandina, che festeggia insieme ai propri tifosi lo storico traguardo. I siciliani saranno così inseriti nel girone B, assieme all'Elan Chalon, al Gaziantep, ai campioni in carica del Tenerife, al Ludwigsburg, al PAOK, al Ventspils e al Neptunas Klaipeda.

CAPO D'ORLANDO-SARATOV 92-59 (21-9, 38-29, 67-44)

Capo d'Orlando: Alibegovic 11, Ihring 6, Atsur 2, Inglis 15, Kulboka 11, Laganà, Strautins 7, Delas 6, Edwards 9, Wojciechowski 17, Ikovlev 9, Donda. All. Di Carlo.

Saratov: Downs 8, Kliuchnikov, Clarke 9, Frazier 3, Robinson 14, Klimenko 2, Zibirov 2, Morris 6, Hummer 7, Zabelin, Sheleketo 8. All. Mazzon.