Bologna, 13 dicembre 2017 – In attesa della grande sfida di Eurolega di domani sera tra Panathinaikos e Armani Exchange Milano (palla a due alle 20.15 ad OAKA), le squadre italiane impegnate in FIBA Champions League ed Eurocup hanno conquistato oggi tre successi e due sconfitte chiudendo una due giorni di sfide sull’asse Italia-Turchia con un bilancio di quattro successi e una sola sconfitta.

In Champions League il ko che ha fatto senza dubbio più clamore è stato quello dei campioni d’Italia della Reyer Venezia che a Bandirma sono stati strapazzati 90-62 dal Banvit di Caloiaro (22 punti), Thomas (17) e dell’ex Varese Rautins (12 punti e 13 rimbalzi), che ha vendicato la sconfitta dopo tre supplementari di poche settimane fa. Fatale agli orogranata è stato il parziale di 28-10 arrivato in uscita dagli spogliatoi che ha annichilito Tonut e compagni, spingendo i turchi ad un agevole successo. Umori opposti in casa della Sidigas Avellino che ha interrotto una mini-striscia negativa di due sconfitte continentali battendo il Besiktas 90-74: tra gli irpini si sono messi in luce ancora una volta Ariel Filloy (20 punti e 6 assist) e Jason Rich (19 punti) i quali hanno dominato la sfida sin dal primo quarto e hanno scollinato abbondantemente la doppia cifra di vantaggio nella seconda metà di gara arrivando in più occasioni persino al +16.

In Eurocup è arrivato un preziosissimo successo per la Fiat Torino che al PalaRuffini ha sconfitto 92-86 i francesi del Paris Levallois mandando quattro uomini in doppia cifra tra cui Sasha Vujacic, miglior realizzatore con 17 punti: gran parte di questo successo i gialloblu – ora terzi a braccetto con Zagabria - lo hanno costruito in un primo quarto giocato ai limiti della perfezione e concluso a +14 (31-17). I transalpini, aggrappandosi a Leslie (15 punti) e all’ex Spurs Boris Diaw (23 punti), hanno poi provato a riavvicinarsi ma la Fiat è sempre riuscita a tenere in mano le redini del match e non ha corso grossi pericoli. Nonostante la grande emergenza sotto canestro (Behanan ha già lasciato la squadra e il ritorno di Dustin Hogue dovrebbe avvenire nelle prossime ore), la Dolomiti Energia Trentino ha sopraffatto 91-79 il Tofas Bursa grazie alla prestazione maiuscola di Dominique Sutton, autore di ben 24 punti e 12 rimbalzi: dopo aver preso in mano il pallino del gioco nel primo tempo, i bianconeri hanno accelerato nella ripresa schizzando fino al +14 per poi limitarsi a gestire le forze e i ritmi di gara. Infine non è andata bene alla Grissin Bon Reggio Emilia che è stata sconfitta 85-82 dal Liektabelis dei fratelli Lavronovic (8 punti per  Darjus e 18 per Ksistof, determinante nel finale) dopo un tempo supplementare. Gli emiliani, grazie anche ai 20 punti di Della Valle e ai 18 di Markoishvili, sono a lungo rimasti in testa ma alla fine hanno sprecato in meno di due minuti un vantaggio di 4 punti consentendo alla formazione lituana di portare il match all’overtime dove 6 punti ravvicinati di Ksistof Lavrinovic hanno scavato il solco decisivo.