Bologna, 12 ottobre 2017 - Incubo finito per Miriam Sylla. La pallavolista azzurra, trovata positiva al clenbuterolo prima degli Europei, e costretta a saltarli, può tornare a giocare. Confermata la positività, ma per una contaminazione alimentare, un risultato che conferma la buona fede dell'atleta.

La sostanza sarebbe stata assunta inconsapevolmente in Cina dopo assunzione di cibo in occasione del World Grand Prix. I controlli hanno dimostrato la contaminazione come era avvenuto ad una collega di Sylla proprio nella stessa manifestazione. Può tornare in campo con Bergamo: "Ora ho solo voglia di allenarmi, ho bisogno del campo e ora sono felice", ha dichiarato Sylla.