Venezia, 22 ottobre 2017 - E' successo un po' di tutto alla Maratona di Venezia, corsa questa mattina. A trionfare è stato l'azzurro di origini eritree Eyob Ghebrehiwet Faniel, portando la bandiera italiana sul gradino più alto del podio dopo 22 anni (l'ultimo fu Goffi). Tempo di Faniel 2 ore 12 minuti e 16 secondi, stabilendo il primato personale.

Ma è la causa del successo a far sorridere. Faniel si trovava in un gruppetto, assieme a Mussa, all'inseguimento dei sei atleti di testa, tutti africani. Al ventisettesimo chilometro, però, i capofila hanno sbagliato incredibilmente strada, forse per la mancanza di auto e moto davanti alla corsa, in un passaggio in cui i mezzi non potevano transitare, ritrovandosi in tangenziale. Faniel, che inseguiva di un minuto, ha così potuto scavalcarli e cavalcare in solitaria fino al traguardo per gli ultimi 12 chilometri.