Auckland, 29 settembre 2017 - Forte impronta italiana nella 36edizione della America's Cup, presentata a Auckland. Sono state definite le prime regole della nuova avventura, tra queste c'è il cambio di sponsor per quanto riguarda la sfida dei challenger. Da Louis Vuitton Cup si passa a Prada Cup, perché sarà proprio il sindacato italiano a organizzarla, mentre New Zealand organizzerà la vera e propria America's Cup.

Le date. Si inizierà nei primi mesi del 2021 con la Prada Cup per concludere a giugno 2021 con l'America's Cup. E' prevista anche una Christmas nel dicembre 2020 a cui parteciperà anche New Zealand. Le barche saranno monoscafi da 75 piedi, che corrispondono a circa 24 metri, ma la classe definitiva verrà comunicata il 31 marzo 2018. Nuovi regolamenti anche per i velisti, che saranno 10 o 12 a bordo: 20% massimo di stranieri che dovranno avere 380 giorni di residenza nel paese sfidante tra il primo settembre 2018 e il primo settembre 2020. Ogni concorrente potrà costruire due imbarcazioni - scafi laminati nel paese di origine del team - e la prima delle due barche potrà essere varata solo dopo il 31 marzo 2019. Gli sfidanti non potranno navigare con due barche contemporaneamente, solo il defender, non partecipando alla Prada Cup, potrà allenarsi con due imbarcazioni. Eliminati i ciclisti, si torna ai grinder