Roma, 16 gennaio 2017 - I fan degli U2 possono stare tranquilli. Dopo che gli oltre 52mila biglietti per il concerto del 15 luglio allo stadio Olimpico di Roma si sono volatilizzati in pochi minuti, è stata aggiunta la nuova data del 16 luglio.

Ad annunciarlo è l'organizzazione di Live Nation e TicketOne: quella del 15 luglio, dunque, non sarà l'unica data italiana del tour della band irlandese che partirà a maggio da Vancouver, in Canada. I biglietti per il secondo concerto saranno in vendita dalle 10 di lunedì 23 gennaio ma per gli iscritti al fan club ufficiale della band è prevista una prevendita anticipata, a partire dalle 9 di mercoledì 18 gennaio e fino alle 17 di venerdì 20 gennaio.

La decisione della nuova data è stata presa dopo il monitoraggio della prevendita e della vendita dei biglietti per il concerto del 15 gennaio, che aveva come obiettivo di contrastare il problema del 'secondary market'. E' emerso che i biglietti venduti sono stati assegnati a 18mila acquirenti diversi e per la maggior parte sono stati spediti ad altrettanti indirizzi. Il 92% degli ordini prevede infatti la consegna via corriere con ricevuta di ritiro con ripartizione bilanciata in tutte le provincie italiane. Il 15% degli acquisti è stato effettuato da clienti stranieri suddivisi in 75 Paesi. Ogni cliente ha acquistato una media di 2,9 biglietti. Ma soprattutto anche durante la vendita di oggi non è stata rilevata la presenza di software automatici di acquisto.

TichetOne fa sapere che ha cancellato circa 200 ordini 'sospetti' e che 600 biglietti che sarebbero potuti finire nei circuiti di 'secondary market' sono stati ricollocati. TicketOne comunica anche che sono in corso acquisti di biglietti a campione sui siti di 'secondary market' per individuare i soggetti che hanno convogliato i biglietti su questi canali. E attenzione perché, visto che le condizioni generali di vendita di TicketOne vietano a chiunque sia in possesso di un biglietto di rivenderlo su siti o piattaforme on line, la società potrà procedere alla cancellazione delle transazioni di acquisto effettuate rendendo di inutile i tentativi speculativi messi in atto.