Per il tabellone in tempo reale, clicca qui

QUARTO GIORNO – L’inglese Matthew Fitzpatrick (272 – 68 65 68 71, -16) vince con tre colpi di vantaggio il Nordea Masters e conquista il suo secondo titolo nell’European Tour, dopo il British Masters dello scorso anno. A tre colpi il danese Lasse Jensen, a quattro il belga Nicolas Colsaerts. Il 21enne di Sheffield, il più giovane inglese a vincere un torneo dell’European Tour dopo Nick Faldo, ha controllato la gara arrivando fino a un massimo di cinque colpi di vantaggio nell’ultimo giro. Il tutto in grande tranquillità, se si è potuto permettere di chiudere l’ultima buca con un bogey senza nessun problema. Con questo successo Matthew guadagnerà numerose posizioni nel World Ranking, nel quale oggi occupa la 45.a posizione, e dovrebbe anche ormai essersi aggiudicato, salvo sorprese, un posto nella squadra europea di Ryder Cup.

Eccellente prova in parallelo di Nino Bertasio (73 69 71 71) e Matteo Manassero (72 67 74 71), che si è ripreso bene dal passo falso di ieri. Bellissima doppietta per i due azzurri che, appaiati ieri in 23.a posizione, oggi hanno entrambi girato sotto par (71) grazie al birdie alla 18, anche questo in coppia. Per Matteo e Nino -4 nello score finale, a 12 colpi da Fitzpatrick, recupero di 11 posizioni e un bel 12° posto che fa sperare. Incredibilmente identico anche il numero dei birdie (quattro a testa), mentre Bertasio ha segnato in negativo un doppio bogey e un bogey, mentre tre sono stati i bogey di Manassero.

Il montepremi era di 1.500.000 euro dei quali 250.000 andranno a Fitzpatrick. Prossimo appuntamento il Lyoness Open in Austria. Previsti al via Paratore, Bertasio, Edoardo Molinari, Ravano, Laporta e Crespi.

TERZO GIORNO – L’inglese Matthew Fitzpatrick (201 – 68 65 68, -15) ha allungato decisamente il passo nel terzo giro del Nordea Masters e con cinque colpi di vantaggio ha messo una seria ipoteca su quello che potrebbe essere il suo secondo titolo nell’European Tour. Sul percorso del Bro Hof Slott GC (par 72) a Stoccolma in Svezia, sono al 23° posto con 213 (-3) colpi Nino Bertasio (73 69 71), risalito dal 35°, e Matteo Manassero (72 67 74), sceso dal 12°, mentre è rimasto in retrovia Francesco Laporta, 76° con 223 (73 71 79, +7).

Fitzpatrick non potrà certamente fare gara di contenimento nel turno conclusivo, tuttavia sarà abbastanza complicato per lo svedese Alex Noren e per il belga Nicolas Colsaerts, secondi con 206 (-10), annullare il pesante ritardo. Al quarto posto con 207 (-9) il danese Lasse Jensen e al quinto con 209 (-7) lo spagnolo Alvaro Quiros, l’inglese Andrew Johnston e gli svedesi Alexander Bjork e Rikard Karlberg, quest’ultimo vincitore dell’Open d’Italia 2015. Tra i concorrenti al nono con 210 (-6) il francese Romain Wattel e tra quelli al 12° con 211 (-5) l’inglese Lee Westwood.

Non è riuscito a rendersi protagonista lo svedese Henrik Stenson, 16° con 212 (-4), numero sei al mondo e il giocatore dal quale i tifosi di casa si attendevano probabilmente il titolo. Sta tenendo l’inglese Matt Wallace, 29° con 214 (-2), dominatore dell’Alps Tour dove ha infilato quattro successi di fila, l’ultimo nel Vigevano Open, e gratificato di un invito degli sponsor.

Matthew Fitzpatrick, nativo di Sheffield, 22 anni a settembre e a segno lo scorso anno nel British Masters, ha mantenuto il par sulle prime sette buche, ha incrociato un bogey all’ottava, il secondo del torneo, e da quel momento ha cambiato marcia con cinque birdie dalla nona alla 15ª per il 68 (-4).

Nino Bertasio si è tenuto due colpi sotto il par (due birdie) per dodici buche, ha sofferto un po’ con due bogey e ha riguadagnato un colpo sul campo con un birdie a chiudere (71, -1). Tutto sulla prima metà del tracciato per Matteo Manassero con due birdie e quattro bogey che hanno fissato il 74 (+2). Da dimenticare in fretta il 79 (+7) di Francesco Laporta con due birdie, sette bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 1.500.000 euro dei quali 250.000 andranno al vincitore.

SECONDO GIORNO – Il gioco è stato sospeso nel secondo giro del Nordea Masters, torneo dell’European Tour che si sta svolgendo sul percorso del Bro Hof Slott GC (par 72) a Stoccolma, in Svezia, dove Matteo Manassero ha fatto un gran balzo nella classifica provvisoria portandosi dal 63° al 12° posto con 139 colpi (72 67, -5).

Si è portato al comando con 133 (68 65, -11) l’inglese Matthew Fitzpatrick, mentre occupano la seconda posizione con 136 (-8) il belga Nicolas Colsaerts e gli inglesi Ross Fisher e Andrew Johnston. Stesso score complessivo, ma con due buche ancora da giocare per lo svedese Alexander Björk. Continua a stupire l’inglese Matt Wallace, che nel Vigevano Open Alps Tour ha firmato il quarto successo di fila nell’Alps Tour (record del circuito) e che sta ben figurando in Svezia dove è 8° con un parziale di “meno” 6 a due buche dal termine. A fare compagnia a Manassero con 139 (-5) un nutrito gruppo di giocatori fra i quali l’inglese Lee Westwood e lo svedese Rikard Karlberg, vincitore dell’ultimo Open d’Italia.

Fra gli altri azzurri, prestazione in crescendo per Nino Bertasio, 35° con 142 (73 69, -2) e per Francesco Laporta, 63° con 144 (73 71, par). È sceso, invece, all’88° posto con 146 (71 75, +2) Renato Paratore. Il romano è al di sotto della linea del taglio (che cade in par), così come Edoardo Molinari, 102° con 147 (74 73, +3) e Nicolò Ravano, 140° con 153 (75 78, +9). Tra gli svedesi più attesi, hanno cambiato marcia Johann Carlsson, 26° con 141 (-3) e Henrik Stenson, numero 6 del world ranking e beniamino di casa, che è salito al 35° posto con 142 (-2). Gran protagonista di giornata Matteo Manassero, che ha messo il turbo firmando il secondo giro con un ottimo “meno” 5 con 7 birdie (di cui 5 consecutivi dalla 14 alla 18 nelle prime nove buche giocate),  accusando poi una lieve flessione nella seconda parte di gara con due bogey e un birdie. Il veronese conferma così il suo ottimo momento di forma dopo la qualificazione di lunedì scorso per il prossimo US Open (Oakmont CC, Pennsylvania, 16-19 giugno), secondo major stagionale. Il montepremi è di 1.500.000 euro dei quali 250.000 andranno al vincitore.

PROLOGO - Matteo Manassero, Edoardo Molinari, Nino Bertasio, Renato Paratore, Francesco Laporta e Nicolò Ravano sono nel field del Nordea Masters (2-5 giugno), in programma al Bro Hof Slott GC di Stoccolma, in Svezia. Saranno Henrik Stenson, numero sei del ranking mondiale, e Robert Karlsson a calamitare l’attenzione degli appassionati di casa insieme a Rikard Karlberg, vincitore dell’ultimo Open d’Italia.

Accanto ai tre svedesi vi saranno tanti altri giocatori in grado di garantire agonismo e spettacolo tra i quali ricordiamo gli inglesi Lee Westwood, Matthew Fitzpatrick, Oliver Wilson, James Morrison e Tyrrell Hatton, gli altri svedesi Alex Noren, Peter Hanson e Kristoffer Broberg, i francesi Romain Wattel e Julien Quesne, i belgi Thomas Pieters e Nicolas Colsaerts, il danese Thomas Bjorn, gli spagnoli Pablo Larrazabal e Alvaro Quiros, l’australiano Scott Hend e lo statunitense David Lipsky. Dall’Oriente porteranno il loro contributo i coreani Jeunghun Wang e Y.E. Yang, il cinese Ashun Wu, l’indiano Shiv Kapur e il thailandese Prom Meesawat.

C’è attesa per Matteo Manassero dopo la bella prestazione che l’ha portato lunedì scorso a qualificarsi per l’US Open, il secondo major stagionale, e si attendono ulteriori conferme da Renato Paratore e da Nino Bertasio, i due azzurri più in alto nella money list continentale (rispettivamente 83° e 97°). E’ un momento importante anche per Edoardo Molinari, che deve dare maggior continuità al suo gioco, ma che da quattro tornei di fila entra in classifica. Necessario, invece, un cambio di passoper Francesco Laporta e per Nicolò Ravano. Il montepremi  del Nordea Masters è di 1.500.000 euro dei quali 250.000 andranno al vincitore.