• CINEMA
  • BENESSERE
  • INCONTRI
Mooovie
Dieta Club
trova l'anima gemella
        

Leggi il giornale         Prova GRATUITA
Scopri le nostre edizioni locali

Salute

LA PIAGA DELL'ALCOL

I gastroenterologi lanciano l'allarme:
"In Europa si beve troppo e male"

Nascono al nord ma contagiano i cittadini di tutto il continente: sono le cattive abitudini legate al consumo di alcolici. Oltre alle eccessive quantità consumate a preoccupare gli esperti, riuniti a Parigi per l'United Gastroenterology Week, è il modo in cui si beve

Parigi, 29 ottobre 2007 - In Europa si beve sempre di più, e sempre peggio. "Molti cittadini del vecchio continente soffrono di gravi malattie epatiche causate dall'eccessivo consumo di alcolici. Secondo i nostri ultimi dati, le cattive abitudini si stanno ormai diffondendo dal Nord Europa agli altri Paesi". A lanciare l'allarme sono gli esperti riuniti a Parigi per l'Uegw (United Gastroenterology Week), in corso nella capitale d'Oltralpe.

 


"Aldilà del consumo di alcolici, il modo in cui si beve sembra giocare un ruolo importante". A sottolinearlo è Massimo Pinzani del dipartimento di medicina interna dell'università di Firenze, rappresentante dell'European Association for the Study of the Liver nel comitato scientifico dell'Uegw. Lo specialista italiano ha puntato il dito contro le sbornie del fine settimana. "La rapida assunzione di grandi quantità di alcol in pochi giorni può portare a un danno acuto del fegato. E questo anche se il consumo settimanale non supera i livelli giudicati a rischio", l'ulteriore avvertimento di Pinzani.

 

In pratica, è come se il sistema metabolico del fegato finisse per essere intasato dal massiccio dosaggio di alcolici concentrato in breve tempo e non riuscisse a far fronte a questo eccesso. Questo comportamento, fino a poco tempo fa, era limitato ai Paesi dell'Europa settentrionale e centrale. Secondo gli specialisti, però, sta ormai contagiando anche il Sud.

 

Le sbornie del fine settimana stanno prendendo piede - soprattutto fra i giovani - in ogni parte del vecchio continente ed, in particolare, proprio in Francia. "L'alcol rappresenta la prima causa di cirrosi - ha detto Philippe Mathurin del Servizio di Epatogastroenterologia del Chru di Lille - e questo nonostante dal 1960 si sia ridotto il consumo di vino pro-capite". Secondo un recente studio francese, infine, basta un aumento dell'1% delle vendite di alcolici per portare a un + 0,282% il tasso di mortalità da cirrosi.










Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

Cerca  su Quotidiano.net nel Web

FOTO DEL GIORNO

Ragazze gustano un cono gelato

LA CLASSIFICA
DEL GUSTO

Il gelato meglio della cioccolata: è il cibo che regala più sorrisi agli italiani. All'ultimo posto in questa speciale top ten la barretta di cereali

LEGGI LA NOTIZIA

GUARDA IL VIDEO