Risultati trovati per la ricerca ilaria

fra tutti i contenuti . Visualizzati da 1 a 10

DE SCIGLIO METTE NEI GUAI PRANDELLI Leggi l'articolo completo

dall’inviato Leo Turrini Rio de JaneiroL’INFERNO verde e' dietro l’angolo. Oggi l’Amazzonia accoglie gli azzurri. E l’Italia perde un pezzo: ieri in allenamento si e' fermato il milanista De Sciglio. Noie muscolari a un polpaccio, immediato pit stop in ospedale per una risonanza magnetica. Nulla di grave ma niente Inghilterra. Il ragazzo era un titolare sicuro, a questo punto Prandelli deve riesaminare le sue opzioni. Di seguito, vediamo un po’ di ragionare sulla situazione.1) Il ct ha sempre detto di mettere la condizione fisica al primo posto. Tradotto: come si fa a rischiare De Sciglio, in una partita che verra' disputata in un contesto torrido, fra zanzare e tafani?2) La soluzione immediata, con Darmian confermato sull’altra fascia, prevede la promozione tra i titolari di Abate. Che pero' non era quotato moltissimo nelle atmosfere della anti vigilia.3) L’alternativa e' lo spostamento di Chiellini sull’out, con Bonucci o Paletta in mezzo insieme a Barzagli. Difesa ‘made in Juventus’, insomma (pero' a 4, mica a 3). Ma l’idea di squadra che fin qui Prandelli ha portato avanti (piedi buoni in mezzo, due esterni che spingano a stantuffo per aprire il gioco) non si concilia benissimo con lo…slittamento di Chiellini. 4) In generale, a parte questo guaio, tutto lascia supporre che l’Italia modello ‘tiki-taka’ sia stampata nel cervello del nostro Cesare. Quindi De Rossi regista basso, con Pirlo e Verratti a scambiarsi spesso la posizione, sperando di mandare in tilt gli arcigni inglesi. E Marchisio e Candreva a far cinema piu' avanti.5) Anche le attenzioni che Prandelli in allenamento sta dedicando a Balotelli, unica punta chiamata ad un lavoraccio in profondita' e di supporto alla squadra che sale, sono indizi del prevalere di una certa logica. Il guaio e' che questa squadra, in due anni, e' stata sperimentata giusto per un’ora contro il non irresistibile Lussemburgo. Mah.6) Ieri Barzagli e' venuto a raccontare che il gruppo si rende conto di dover alzare la soglia della attenzione, soprattutto in difesa. Troppi i gol presi di recente, troppe le disattenzioni. Sturridge e Rooney, se dietro siamo quelli visti con la Fluminense, ci fanno a pezzi e spolpano pure le ossa.7) In Amazzonia c’e' un gran casino, le ultime narrano di un campo di gioco in condizioni pietose. Facile che sia vero, avendo avuto modo di scoprire le inefficienze di questi brasiliani allegri. Unica consolazione: il terreno sara' uguale per noi e per gli avversari, quindi alibi non ce ne sono.8) Dimenticavo: c’e' nell’aria anche un ilare sciopero negli aeroporti, dunque la marcia di trasferimento verso l’inferno verde promette di regalare emozioni aggiuntive. In attesa, si capisce, delle emozioni che vorra' regalarci la partita.

Non ci resta che ridere Leggi l'articolo completo

Il commento di Remo SantiniLucca, 10 febbraio 2014 - L'inizio di uno dei film piu' acclamati del cinema italiano, e' ambientato dalle nostre parti. Parlo del celebre <<Non ci resta che piangere>> con la bella e memorabile [...]

La Sharapova e' troppo per la Errani (Tommasi); Una Errani troppo piccina per la crudele Sharapova (Clerici); Sharapova troppo forte (Martucci); La magnifica seconda (Semeraro), Sara, inchino alla regina (Giorni). Parigi applaude la Errani (Grassia) Leggi l'articolo completo

10-06-2012A cura di Davide UccellaCRONACHE FINALE FEMMINILE RGSharapova troppo forte, la Errani si arrende (Vincenzo Martucci, La Gazzetta dello Sport, 10-06-2012)Poi e' Maria Sharapova, come da pronostico, con tanto di teatrale discesa in ginocchio sulla sacra terra [...]