Torino, 12 gennaio 2018 - Allarme-scisma per i 5 stelle? L'indiscrezione - che vuole Beppe Grillo in rotta di collisione con Davide Casaleggio - agita il mondo grillino, tanto che il candidato premier Luigi Di Maio si affretta oggi a smentire: "Qualcuno spera che Grillo si faccia da parte, ma lui sarà sempre con noi, è una grande risorsa, la più grande che abbiamo - assicura da Torino - Il Movimento non cambia, sarà con noi in questa campagna e resta il garante". 

Insomma, insiste Di Maio, "Nessuno speri che il Movimento tradisca i suoi valori originali. Il Movimento non è cambiato, è sempre quello di Grillo e Gianroberto Casaleggio". 
Il fatto che da mesi Grillo non prenda parte alla campagna elettorale e ora stia staccando il suo blog da quello del Movimento, però, desta sospetti: secondo una ricostruzione dell'Espresso il divorzio è già iniziato e il fondatore dei pentastellati è sempre più insofferente alle nuove leve e alle nuove regole. E la decisione di Alessandro Di Battista di non ricandidarsi alle politiche di marzo sarebbe in qualche modo legata alla ritirata del leader. 

D'altra parte era stato lo stesso Grillo ad anticipare, nel discorso di fine anno, "il cambiamento proprio di fisionomia del blog" e a separare "il blog delle stelle", per i contenuti di politica e dei parlamentari dal suo blog personale: "andrò a un po' in giro per il mondo con video, conferenze", aveva detto. 
Digitando l'indirizzo del blog dei 5 stelle, prima il reindirizzamento sul blog di Beppe Grillo era automatico, ora invece si accede a contenuti differenti. Le nuove regole poi hanno previsto per la prima volta che il Garante, lo stesso Grillo, possa abbandonare Movimento. Secondo il periodico, il dominio, dopo lo switch off dovrà finire in mano a una srl unipersonale, a socio unico.

image