Roma, 25 giugno 2017 - Il centrodestra unito è tornato e il Pd è andato ko. Questo l'esito, in sintesi, dei ballottaggi delle elezioni comunali 2017 (i risultati di tutte le città) che hanno decretato i primi cittadini di 111 Comuni. Il centrodestra ha conquistato una serie di Comuni guidati da anni dal centrosinistra. In primis Genova dove Marco Bucci è il nuovo sindaco. Poi, abbastanza a sorpresa, vince a L'Aquila dove Pierluigi Biondi subentra a Massimo Cialente che ha gestito la difficile fase post terremoto. A Verona si è chiusa l'era Tosi: il centrodestra trionfa con Federico Sboarina, che al ballottaggio ha superato la senatrice e fidanzata dell'orami ex sindaco, Patrizia Bisinella. Conferme importanti per Federico Pizzarotti a Parma e per Sergio Abramo a Catanzaro. Il centrosinistra riconquista Padova con Sergio Giordani che ha superato il sindaco-sceriffo Massimo Bitonci ma perde a La Spezia, Piacenza e a Sesto San Giovanni, considerata da sempre la Stalingrado d'Italia. Il M5S ha vinto a Carrara, in un turno di ballottaggio in cui davvero poche persone (poco più del 46%) sono andate alle urne con un'astensione altissima. Alla fine il centrodestra ottiene 16 sindaci nei comuni capoluogo di provincia (ne aveva 7). Il centrosinistra ottiene appena 6 sindaci (ne aveva 17).

RENZI - "I risultati delle amministrative 2017 sono a macchia di leopardo. Come accade quasi sempre per le amministrative. Nel numero totale di sindaci vinti siamo avanti noi del Pd, ma poteva andare meglio: il risultato complessivo non è granché. Luci e ombre in tutte le altre zone. Questi sono i dati veri", è stato il commento del segretario Pd Matteo Renzi.

Il segretario del Pd: "Fanno male le sconfitte di Genova e L'Aquila"

SALVINI - Esulta, unito, il centrodestra: "Urne chiuse, grazie a chi è andato a votare. Sensazioni positive, ci sentiamo più tardi. #andiamoagovernare #ballottaggi #exitpoll", twitta a pochi minuti dalla chiusura dei seggi il segretario della Lega Matteo Salvini. "Ora vado fino in fondo, andiamo a governare", dice su Facebook avvertendo Renzi, Gentiloni e Boschi: "I prossimi siete voi".

GENOVA - A Genova Bucci è eletto sindaco con il 55,24% delle preferenze, battendo il candidato dem Gianni Crivello che ha avuto il 44,76% dei voti.

VERONA - Finisce, dopo 10 anni, il 'regno' di Flavio Tosi a Verona: la candidata sponsorizzata dal sindaco uscente, ovvero la sua compagna Patrizia Bisinella, ha infatti perso nettamente al ballottaggio contro il candidato del centrodestra, Federico Sboarina. L'avvocato, esponente dell'associazione 'Battiti', ha avuto circa il 58% dei voti ma soprattutto ha preso decisamente piu' voti del primo turno. L'11 giugno, infatti, Sboarina aveva ricevuto circa 33mila consensi, mentre al ballottaggio ha superato quota 45mila a fronte di un'affluenza in calo. A Bisinella invece sono andati oltre 33mila voti: anche lei ha ricevuto più consensi, ma non si è verificato quel 'soccorso rosso' che molti attendevano. 

PARMA - A Parma Federico Pizzarotti è stato eletto per la seconda volta sindaco di parma con quasi il 58% dei voti. L'ex Cinquestelle ha vinto con la lista civica Effetto Parma contro Paolo Scarpa (candidato del Pd e di due liste civiche) che si è fermato al 42%.

FOCUS Ballottaggi, l'Emilia rossa tradisce il Pd

L'AQUILA - A L'Aquila, Pierluigi Biondi, candidato di Fratelli d'Italia e sostenuto dal centrodestra batte con il 53,52% Americo Di Benedetto del centrosinistra che si ferma al 49,48%. 

CATANZARO - Conferma importante anche per Sergio Abramo a Catanzaro, che stacca nettamente il candidato di centrosinistra Vincenzo Ciconte. 

TARANTO - Il centrosinistra conquista TarantoRinaldo Melucci è stato eletto sindaco sul filo di lana con il 50,9% dei voti, battendo la sfidante di centrodestra Stefania Baldassari ferma al 49,9%.

SESTO SAN GIOVANNI - Espugnata anche la 'Stalingrado d'Italia' Sesto San Giovanni, che passa al centrodestra. 

A Vignola (Modena) storica vittoria del centrodestra

CARRARA - Francesco De Pasquale del Movimento 5 Stelle è il nuovo sindaco di Carrara, con un numero di voti quasi doppio rispetto a quello di Andrea Zanetti del Pd. 

LA SPEZIA - Il centrodestra strappa La Spezia al centrosinistra. Pierluigi Peracchini prende quasi il 60% dei voti. Segue Paolo Manfredini con poco più del 40% dei voti.

PISTOIA - Alessandro Tomasi è il nuovo sindaco di Pistoia. Il candidato del centrodestra ha raccolto 19.049 voti e il 54,28%, sconfiggendo il centrosinistra per la prima volta dal dopoguerra, per di più con un sindaco uscente. Samuele Bertinelli, in effetti, ha raccolto soltanto 16.043 voti e il 45,72%.

GORIZIA - Rodolfo Ziberna, candidato del centrodestra, vince Gorizia. Al ballottaggio ha nettamente battuto il suo avversario Roberto Collini candidato del centrosinistra. Ziberna, sostenuto da otto liste tra cui Forza Italia, Lega Nord e Fdi, ha vinto con il 59,79% dei voti. Collini, con il sostegno di quattro liste tra cui il Pd, ha raggiunto il 40,21% dei suffragi. Nei 37 seggi della città si sono recati 13.380 votanti. 

LODI - Il centrodestra, con Casanova, strappa anche Lodi al centrosinistra. 

MONZA - Stesso destino per Monza, dove vince Allevi (centrodestra).

LUCCA - Il Partito democratico regge a Lucca. Il sindaco uscente, Alessandro Tambellini è stato rieletto col 50,52% e 17.453 voti. Sconfitto l'esponente del centrodestra, Remo Santini che si è fermato a 17.092 voti e al 49,48%. Il duello è stato sul filo di lana sino all'ultima delle 86 sezioni di questo turno di ballottaggio. Alla fine la differenza è di 341 voti. 

IL CASO TRAPANI - E' stato un ballottaggio flop a Trapani. La bassa affluenza alle urne, che si è attestata al 26,75%, ha 'sconfitto' l'unico candidato in corsa per fare il sindaco, Piero Savona (Pd), la cui unica speranza era un'affluenza almeno del 50% e la conquista del 25% delle preferenze. Gli elettori hanno disertato le urne: la città non ha né sindaco né consiglio comunale: decadono infatti anche i consiglieri eletti al primo turno in quanto non è possibile ripartire i seggi.

AFFLUENZA - Sul fronte dell'affluenza, il temuto crollo c'è stato: nei comuni chiamati a eleggere il sindaco è andato a votare meno del 50% degli aventi diritto, esattamente il 46,03%, un dato che tocca i livelli storici minimi e che è particolarmente insolito, perché l'elezione del primo cittadino in Italia è sempre stata molto sentita. Il crollo è stato di quasi 12 punti percentuali rispetto al primo turno, particolarmente accentuato in alcune città come Catanzaro, Taranto e soprattutto Trapani.

ANCHE GRILLO NON HA VOTATO - Tra chi ha scelto di non votare c'è anche il leader del MoVimento 5 Stelle, Beppe Grillo, che oggi non è andato al seggio. È stato confermato anche dalla presidente. Il candidato dei Cinque Stelle, Luca Pirondini, era stato escluso dal ballottaggio con il 18,07%. Nei giorni scorsi Grillo aveva invitato i sostenitori dei Cinque Stelle a non andare a votare ai ballottaggi se non dove erano in lizza candidati grillini, come a Asti e Carrara. Pirondini, invece, per Genova aveva invitato ad andare al seggio e votare scheda bianca.

Altri capoluogo: Padova - Piacenza - Alessandria - Lecce - PiacenzaAlessandria  - Como - Asti - Trapani - Rieti - Lodi - Belluno - Oristano