Parigi, 4 luglio 2017 - Un antico e nobile palazzo milanese trasforma il Palais di Chaillot, dove sfila l'Armani Privè, in un tempio di bellezza italiana del Settecento. E' la meraviglia di luce e di stucchi dorati su proiezioni realizzata da Giorgio Armani per questa collezione di Haute Couture per il prossimo inverno, applaudita da Sophia Loren, Kate Winslet, Naomi Watts, Isabelle Huppert, Pryanka Chopra, Ana De Armas, Tang Wei, Rossy de Palma, Francesco Vezzoli e Barbara Palvin, in prima fila tra tanti ospiti che hanno acclamato il nostro amatissimo Giorgio Armani per questa sua ennesima prova di eleganza superata a pienissimi voti. Un pezzo di Milano che rappresenta Palazzo Orsini al numero 11 di via Borgonuovo dove "re" Giorgio ha trasferito da pochi mesi l'atelier dell'Armani Privè, sotto lo sguardo di opere d'arte come il soffitto affrescato da Andrea Appiani con il motivo Amore trionfante nel 1787.

"Sì questo è un pezzo di Milano a Parigi - racconta Armani - un pezzo d'Italia di cui vado orgoglioso dove riceverò d'ora in poi le clienti del mio Privé che stavolta si compone di 61 pezzi, tutti di alta moda vera. Non mi piace la confusione che c'è in giro: l'haute couture è una sola, quella vera, quella più preziosa ed unica. A me piace gareggiare coi grandi nomi dell'eleganza che sfilano qui a Parigi, non mi piacciono quelle firme che realizzano t-shirt costose come se fossero altro. Mi sembra che si sia perso un po' il senso delle cose fatte col sentimento. L'alta moda è fatta per poche donne che se la possono permettere, misteriose. Non le incontri per strada, ma le puoi sognare. Parigi conserva sempre un grande fascino ma stiamo attenti a non perdersi".

Insomma una donna misteriosa per una collezione Armani Privè per il prossimo inverno dedicata tutta al Mistero della femminilità mai scontata e troppo esposta. Tema principale la rosa, declinata su cappe di velluto gigantesche eppure leggiadre, dipinta sulla seta di abiti da sera sinuosi e perfetti, ricamate sulle piccole giacche da sera sui pantaloni di velluto, coi tacchi alti per le modelle piccole e al contrario i tacchi bassi per le modelle alte, in testa ad ognuna di loro un copricapo delizioso di maglia con attaccata una vezzosa veletta che ognuna si potrà aggiustare intorno al viso come vuole. Tanto nero, tanto rosa fuxia, un po' di celeste calcedonio, un tocco di beige sul cappotto di coccodrillo effetto seta, tocchi di giada, rose di vernice a fare da volant al fondo degli abiti da sera, gonne leggerissime di tulle luminoso. Splendidi gli accessori, su tutte le borse di coccodrillo.