Firenze, 30 novembre 2017 - Moda e Arte sempre più vicine e più attratte l'una dall'altra, complice l'illuminata visione dei nuovi direttori dei musei italiani. Così Salvatore Ferragamo ha realizzato, in esclusiva per la mostra 'Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura' che si apre il 5 dicembre (e dura fino al 18 marzo 2018) alla Galleria dell'Accademia di Firenze, un foulard 90 per 90 e una pochette 50 per 50 in pura seta.

Un prodotto esclusivo con il quale la Maison, da sempre sensibile al richiamo dell’arte, ha deciso di reinterpretare le lavorazioni dei tessuti del Trecento fiorentino conferendo loro un appeal pittorico che solleciti l’immaginario.

Texture, disegni e colori dell’epoca mescolati agli elementi iconici Ferragamo.

San Martino in Trono di Lorenzo di BicciUn'aura fantastica emana dagli animali composti di petali: uccelli tropicali e pappagalli dallo sguardo ipnotico e, a far da sfondo, in tenere nuance tono su tono, l’araba fenice eterno simbolo di rinascita e ritrovata armonia (da un particolare tratto dal dipinto di Lorenzo di Bicci, San Martino in Trono fra due angeli, 1380-1390, Firenze, esposto alla Galleria dell’Accademia.. 

La seta di Salvatore Ferragamo è un mondo magico popolato da una natura lussureggiante, da fiori, da animali della savana e da rappresentazioni oniriche di animali composti da petali e fiori, paesaggi, arte e atmosfere del mondo, motivi astratti geometrici. Particolare ricerca meticolosa del colore.

Il foulard e la pochette, prodotti ciascuno in 140 pezzi, saranno in vendita in esclusiva presso il bookshop della Galleria dell’Accademia di Firenze.