Parigi, 3 ottobre 2017 - All'Espace Cambon giganteggia l'installazione di una scatola rossa: è il simbolo della potenza creativa di Roger Vivier, col tocco del direttore stilistico Bruno Frisoni, con una collezione vastissima di scarpe e borse e un'estensione di stili dall'elegante da gran ballo alle vacanze. Così la pochette con la mitica fibbia Vivier di cristalli va a braccetto con la sporta di paglia intrecciata ricamata di fiori di campo. Una, mille donne, nel mondo queste di Roger Vivier che amano il logo e lo vogliono ricamato sulla scarpa alta col tacco “Choc” e impresso su molti pezzi della collezione per la prossima estate. Massimo del lusso poi prendere ispirazione dalle righe delle camicie maschili per borse di sogno come le Viv' Cabas, tra tela di rafia e righe di pelle. “L'Europa va bene - spiega Camilla Schiavone, amministratore delegato di Roger Vivier, marchio del Gruppo Tod's - e anche la Cina si è risvegliata. Noi siamo un marchio ultraselettivo: abbiamo 40 boutique nel mondo tutte dirette e 20 multimarca, l'iperlusso è la nostra meta continua. La chiusura del bilancio 2017 sarà positiva”.