New York, 27settembre 2017 - Nel nome porta la luna ma questa volta sbarcherà in un museo. Nuovo importante traguardo per Moon Boot che dal 1 ottobre si appresta ad essere l’ospite prestigioso al Moma all’interno della mostra-evento “Items: Is Fashion Modern?”, organizzata dalla designer Paola Antonelli, Senior Curator del Department of Architecture & Design del Museum of Modern Art di New York. L’iconico modello è infatti stato scelto, insieme ad altri centoundici items, in rappresentanza di quei capi o accessori che hanno in qualche modo plasmato un’epoca e definire identità culturali. La mostra ha lo scopo di far riflettere sull’ impatto significativo che certi oggetti hanno avuto sulla storia e sulla società occidentale del XX e XXI secolo, continuando a essere attuali anche nella vita odierna. Dalla sua prima comparsa sul mercato, Moon Boot ha profondamente mutato in modo incontrovertibile la concezione estetica stessa dello stivale doposci.

Divenuto nel tempo sinonimo di prodotto, Moon Boot si è trasformato in una vera e propria icona del design italiano anticipando stili e decretando tendenze in tutto il mondo. Innumerevoli negli anni i premi e i riconoscimenti ricevuti dal marchio a livello internazionale, tra questi nel 2000 l’esposizione di Moon Boot nelle sale del Museo del Louvre come uno dei 100 simboli del design del ventesimo secolo e nel luglio 2016, a seguito della sentenza emessa dal Tribunale di Milano, Moon Boot è stato a tutti gli effetti riconosciuto come opera creativa, oggetto di design e per questo inimitabile. "La presenza di Moon Boot all’interno del principale museo moderno del mondo è per noi motivo di grande orgoglio- ha commentato Alberto Zanatta, presidente Tecnica Group-. L’esposizione nel tempio dell’arte e del design mondiale segna per noi un traguardo importante, attestazione autorevole dell’importanza di un brand come Moon Boot che ha saputo accompagnare la storia e il modus vivendi di intere generazioni".