Moda

Buoni e cattivi, bellissime e provocanti, sulla passerella di Philipp Plein a New York che spazza via tutti i pregiudizi e sotterra ogni accenno di bon ton in omaggio al fetish-chic e allo spirito irriverente del brand dello stilista (bello e biondo) nato in Germania. Per la sua seconda volta nella Grande Mela, Plein occupa il mitico Hammerstein Baltroom di Midtown, il teatro che accoglie gli ospiti del defilè ad hamburger e champagne serviti su piatti d'argento, in  un'atmosfera da quartiere a luci rosse di Amsterdam. Passerella ad alto tasso di seduzione aperta da Adriana Lima e chiusa da Irina Shayk, in mezzo anche modelli machi in jeans strappati e tatuaggi anche teneri e floreali, con effetti di petti nudi e body painting. Prima dello show ecco la sorpresa con lo spettacolo della regina del burlesque la sofisticata Dita Von Teese nuda nella coppa di Martini che termina la performance leccandosi un ginocchio. Tra palle stroboscopiche e pole dancer Philipp Plien coglie ancora un successo che gli permette di dire "la moda è nata nelle strade non in atelier".

di EVA DESIDERIO

Sport Tech Benessere Moda Magazine