Milano, 23 settembre 2017  - La tedesca più bionda e più famosa del mondo, Claudia Schiffer, oggi ha mandato in tilt via Montenapoleone quando ha presentato il libro che celebra la sua carriera di supertop nella boutique di Versace dopo che ieri era comparsa nel magnifico tableau vivent con altre quatto su celebri colleghe top al fine del defilè che ha celebrato i 20 anni dalla morte di Gianni Versace. 

Quarantasette anni compiti il 25 agosto scorso, un marito produttore cinematografico un po' birichino come Mattew Vaughn, tre figli e una carriera interrotta allo scoccare dei 39 anni oggi Claudia è più bella e solare che mai, i capelli d'oro e quel viso che l'ha portata al successo per la strepitosa somiglianza con Brigitte Bardot. Il libro (edito da Rizzoli),  di cui ha firmato molte copie sotto gli occhi dell'amica Donatella Versace, si chiama col suo nome e la mostra nuda eppure pudica in copertina in una foto di Mario Testino.

"Il tempo delle supertop è passato - dice Claudia - oggi possiamo chiamare così solo Gisele Bundchen. Ho lasciato 15 anni fa e ne sono felice ancora oggi perché mi sono occupata della famiglia e della beneficenza. Lancerò presto un linea di Make up, continuo con la collezione in cashmere e presto disegnerò anche scarpe", si confida la Schiffer sempre con due tenere fossette sul sorriso incantatore.  Quando le si chiede di ricordare un momento magico della sua carriera non esita e ricorda: "Quando ho scattato a Roma la campagna che rievocava la Dolce Vita per Valentino!".

 

Thank you @donatella_versace for hosting my book launch at your beautiful @versace_official store. Love to all who came! ❤️X #CLAUDIA30YEARS

Un post condiviso da Claudia Schiffer (@claudiaschiffer) in data: