Netflix, la piattaforma di streaming online più famosa al mondo, ha deciso di praticare un aumento delle tariffe per i propri abbonati, nuovi o vecchi che siano, anche quelli italiani. La modifica dei prezzi impatta su tutti i piani ad eccezione di quello base, che resta invariato a 7,99 euro al mese.

NETFLIX AUMENTA I PREZZI: I DETTAGLI
Il piano base è quello che prevede la visione di contenuti su un solo dispositivo e con definizione standard. Quello HD consente l'eccesso a immagini in alta definizione, che si possono vedere su due dispositivi: la tariffa passa dagli attuali 9,99 euro a 10,99 euro. Infine, il piano 4K, cioè visione su quattro dispositivi contemporaneamente e massima qualità delle immagini, passa da 11,99 euro a 13,99. Gli aumenti scattano il 9 ottobre.

PERCHÉ NETFLIX AUMENTA I PREZZI?
La decisione è stata presa in conseguenza degli investimenti, ben sette miliardi di dollari, stanziati da Netflix per l'acquisizione dei diritti di materiale prodotto da altri e la produzione di contenuti originali propri. Una strategia aziendale che, se guardiano al solo mercato nostrano, segue l'aumento del 207% del numero di titoli disponibili in Italia negli ultimi due anni. Insomma: la logica è che gli utenti sostengano lo sforzo, ricevendo in cambio la promessa di continuare a vedere film e serie TV di qualità, in numero crescente.

Leggi anche:
- Suburra, orari e programmazione della serie TV Netflix
- Blade Runner 2049: siamo di fronte a un capolavoro?
- American Horror Story 7, orari e programmazione su Fox