Magazine

di EVA DESIDERIO

Cambia logo e cambia nome. Non più La Rinascente, come la battezzò nel 1917 Gabriele D'Annunzio per volontà del proprietario dei grandi magazzini in Piazza Duomo a Milano - il senatore Giuseppe Cesare Borletti - ma oggi solo Rinascente, con logo semplice reinventato col nome Roma elaborato con tratti di design.  Un cambiamento solo all'apparenza da poco, ma che da domani spopolerà a Roma per l' apertura al pubblico di Rinascente di via del Tritone e via Due Macelli, un mega building che ha impegnato la società per 11 anni, tra infinite beghe burocratiche ed enormi lavori, con una riqualificazione totale di questa area strategica del centro della Capitale tra Palazzo Chigi, Piazza di Spagna e Fontana di Trevi
Una tappa di nuovi incontri e opportunità per i romani e i turisti - si aspettano 8 milioni di visitatori l'anno - una piazza di scambi e di sorprese,  prima fra tutte il muro del I secolo avanti Cristo dell'Acquedotto Vergine voluto da Agrippa che è venuto miracolosamente alla luce durante lo scavo di costruzione e che ora, lungo 60 metri, tutti potranno ammirare nel piano seminterrato dove c'è lo strepitoso spazio dedicato al design. Poi al piano terreno gli accessori donna dei brand del lusso internazionale, col Palazzetto del Novecento, tutto dedicato a Louis Vuitton, al primo piano la cosmesi e l'alta profumeria, al secondo e terzo piano lo spazio al maschile dal capospalla agli accessori e fino alla camiceria, al quarto e al quinto l'abbigliamento donna e al sesto piano un ricercato reparto di food con ristorante. In cima al palazzo due favolose terrazze panoramiche su Roma e i suoi monumenti. In tutto si contano oltre 700 marchi.

"Rinascente festeggia 100 anni (150 dalla prima fondazione della famiglia Bocconi, ndr) e non c'è occasione migliore di questa per brindare all'inaugurazione di Roma. Con questo sono 11 in Italia i nostri fari sullo shopping - dice Vittorio Radice, vicepresidente di Rinascente - e per questo progetto abbiamo impiegato undici pazientissimi anni e speso nel complesso 200 milioni di euro, di cui 24 solo in oneri urbanistici per il Comune di Roma. Qui da domani lavoreranno 650 persone dalle 9 del mattino alle 23. Per formarli abbiamo investito in 25.000 ore. Non posso non ringraziare il proprietario di Rinascente Tos Chirathivat che ha voluto fortissimamente questo progetto e ci ha creduto".

Ed eccolo l'elegantissimo multimilionario thailandese che con la sua potente famiglia ha acquistato Rinascente nel 2011 e che è amministratore delegato e presidente di Central Group, la società che controlla in Thailandia molte attività nel retail, che ha scelto l'Italia come primo Paese per la sua espansione. "Sono felice di questa apertura romana - dice Tos - questa è una delle città più importanti al mondo. Gli italiani sono clienti molto competenti e amano Rinascente". 

Pierluigi Cocchini, Ad di Rinascente , paragona questa apertura tanto sudata a "come vincere dieci Super Bowl". Questi 15.000 metri quadri dovranno essere "magnetici" per la grande varietà di merci "da un euro a 15.000 euro, tutti i clienti saranno trattati allo stesso modo". Magnetici per la città, nella città, con la città. Sulla facciata di via del Tritone ci sono 96 finestre, tre ingressi e sotto il pavimento, ben conservati, mosaici dell'antica Roma. "Abbiamo scavato 4.000 metri quadri di terreno per ritrovare l'Aqua Virgo, antichi palazzi, una domus del IV secolo e vari sepolcri" dice il Soprintendente Francesco Prosperetti. Ad illustrare il nuovo megastore e le sue meraviglie anche il direttore Adriano Baffi

FOCUS / Inaugurazione con ressa e statue iperrealiste

Sport Tech Benessere Moda Magazine