Nel suo itinerario a Milano sulle tracce di Leonardo Da Vinci, Syusy si è mossa soprattutto in bicicletta. Pedalare lungo le ciclabili che costeggiano il sistema dei Navigli è un modo molto pratico per avvicinarsi al genio del Maestro che, di fatto, li ha progettati! Usare la bici è una scelta ecologica, ma anche comoda perché permette di raggiungere qualsiasi luogo in città senza preoccuparsi di traffico, accessi controllati, parcheggi.

A Milano poi è particolarmente facile trovare e dotarsi di una bici con il servizio di Bike Sharing del comune, BikeMI, capillare e disponibile sia per i cittadini residenti che per i turisti e i visitatori. Talmente facile che, a quanto pare, i milanesi hanno percorso più di 203 volte la circonferenza della Terra in un anno con le bici del Comune, sia quelle gialle tradizionali che le rosse a pedalata assistita! Con un risparmio di oltre 1 milione e 600 mila chili di CO2.

A proposito di risparmio energetico e sostenibilità, da poco è stato inaugurato in città anche il Charging Centre BikeMi, un centro di ricarica per le batterie delle bici elettriche completamente a impatto zero. Questo nuovo centro, finanziato da Atm, si trova nella zona del Cimitero Monumentale e sfrutta l’energia solare attraverso un impianto fotovoltaico di oltre 400 metri quadrati per 280 pannelli. Un circolo virtuoso tra mobilità sostenibile ed energia rinnovabile! Tecnicamente l’operazione di ricarica delle batteria avviene tramite uno “scambio sul posto”, un meccanismo che permette ai produttori di energia da fonti rinnovabili - come il fotovoltaico - di utilizzare la rete nazionale come magazzino virtuale per l’energia prodotta e non immediatamente autoconsumata per riutilizzarla in un secondo momento. In questo modo le bici a pedalata assistita del Bike Sharing di Milano non vedono mai una spina di corrente. E vengono ricaricate senza produrre alcun tipo di inquinamento, nemmeno acustico! Anche Leonardo ne sarebbe compiaciuto.