Una notizia per gli amanti del cicloturismo panoramico: Italia Slow Tour ha invitato tre coppie di "ambassador" stranieri provenienti da Belgio, Germania e Scozia a provare un itinerario speciale nel cuore della Toscana, in Valdinievole, ideato dagli amici di Bike Experience in Tuscany! Non occorre andare lontano per trovare dei percorsi che siano insieme sportivi, naturalistici e culturali. Facendo base a Montecatini, poi, c’è anche spazio per divagazioni gastronomiche e per dei momenti di relax defatigante post pedalata nel benessere delle terme. Il bike tour si terrà il 13 e il 14 settembre e toccherà i borghi di Montecarlo, Collodi, Pescia e San Gennaro. Poi la riserva naturalistica del Padule di Fucecchio e la cosiddetta "Via della Fiaba", una vera chicca per gli amanti della bici da strada con un tracciato caratteristico in basolato costellato di affascinanti scorci naturalistici. Seguiremo a stretto giro i cicloturisti in viaggio per realizzare un video di questo itinerario che Syusy Blady presenterà in anteprima alla Borsa del Turismo Sportivo di Montecatini il 7 ottobre prossimo e che sarà poi pubblicato sia in questa rubrica che nella webTV internazionale di Italia Slow Tour. Nel frattempo potete seguire sui canali social di Italia Slow Tour e di Bike Experience in Tuscany sia la preparazione del viaggio che gli aggiornamenti live non appena scenderanno in strada.

Qualcosa in più sull'itinerario che potreste già provare anche voi: la difficoltà atletica è media, anche se c’è qualche pendenza che richiede un po’ di allenamento. Il primo giorno si parte dal vecchio mercato dei fiori di Pescia, sul percorso ciclopedonale lungo l’argine del fiume. Prima tappa: Montecarlo. Un bel borgo medievale dal centro storico ben conservato, con la sua cinta muraria di cui rimangono in piedi tre Porte e la Rocca trecentesca. Tutto intorno un dolce colle coltivato a ulivi e viti, da cui viene il famoso Rosso di Montecarlo. Il percorso continua attraverso San Martino in Colle e Lappato in direzione San Gennaro, che svetta su in alto tra gli oliveti guardando verso l’Appennino. Il tragitto attraversa boschi e vigneti, a un certo punto si incontra anche la famosa Quercia delle Streghe: un albero monumentale e leggendario, dove - stando alla favola - Pinocchio avrebbe sepolto i suoi zecchini d’oro sperando di vederli germogliare. Tappa successiva, Collodi. Un luogo legato indissolubilmente alla vita dello scrittore delle “Avventure di Pinocchio”, all’anagrafe Carlo Lorenzini, che ha scelto proprio il nome del suo paese d’origine come pseudonimo con cui firmare le sue opere. Qui inizia la Via della Fiaba che ci riporta a Pescia chiudendo il giro ad anello e che percorre per un tratto una via romana immersa nel panorama campestre. 

Il secondo giorno è dedicato all’esplorazione naturalistica: da Montecatini si raggiunge il Padule di Fucecchio che con un’ampiezza di quasi 2.000 ettari è la più grande palude interna d’Italia. Una riserva naturale con un habitat unico, ricchissima di flora e fauna: dalla felce reale a varie specie di ninfee fino a una rara piantina carnivora; dagli aironi che nidificano in colonia ai “visitatori” come la gru e la cicogna nera. Si contano più di 200 specie di uccelli, un paradiso del birdwatching (soprattutto in bicicletta, silenziosa quanto basta per girare e osservare). Gli itinerari sportivi si concludono sempre con delle parentesi rilassanti alle Terme di Montecatini e con cene devote ai prodotti del territorio. Conoscete ad esempio il fagiolo di Sorana? Da provare cucinato "al fiasco".