Caracas, 21 aprile 2017 - In Venezuela non si arrestano la protesta e i duri scontri a Caracas fra polizia e manifestanti. Oggi opposizioni e semplici cittadini di nuovo in piazza contro il governo del presidente Nicolas Maduro. Una protesta che segue quella del giorno precedente in cui sono morte tre persone e ci sono stati una trentina di arresti. Secondo le fonti ufficiali dodici persone sono morte ieri notte a Caracas durante scontri violenti e saccheggi avvenuti in una zona commerciale di El Valle, nel sud della capitale venezuelana. Secondo alcuni media alcune persone sono rimaste fulminate per colpa di una recinzione elettrica allestita proprio contro rapine e saccheggi nei negozi della zona, mentre secondo altri la causa della morte sarebbe un cavo dell'alta tensione che li ha colpiti mentre provavano a entrare.

Incredibili le immagini del video che mostra la marea di folla che sfila contro Maduro, contrastata dai i lacrimogeni della polizia. Alcuni manifestanti lanciano pietre contro gli agenti, che rispondono, oltre che con lacrimogeni, anche con proiettili di gomma. 

image

Nonostante la grave crisi economica che sta attraversando il Paese, Maduro resiste alla guida del governo e ai tentativi dell'opposizione di organizzare un referendum di richiamo nei suoi confronti. Il Venezuela è nel caos, e il suo simbolo è la donna fotografata mentre, avvolta nella bandiera nazionale, blocca da sola un blindato (FOTO) della Guardia Nazionale su un'autostrada di Caracas.

Le rivendicazioni dell'opposizione, che non molla nonostante i morti in piazza, sono su elezioni anticipate, restituzione dei poteri al Parlamento, liberazione dei prigionieri politici, corridoi umanitari per cibo e medicine. La risposta del governo è dura, in campo unità antisommossa e cariche ai manifestanti. 

"La forza di un popolo e la sua voglia di libertà sono nel coraggio di questa donna. Un'immagine che entra nella storia". Ha scritto sul suo profilo Facebook il Presidente della Commissione Affari esteri del Senato, Pier Ferdinando Casini, commentando la foto della donna venezuelana che ferma un carro armato.

Domani ci sarà la "marcia del silenzio", sempre a Caracas, che prevede un corteo che si muoverà per raggiungere la sede della Conferenza episcopale venezuelana. Papa Francesco e i vescovi locali hanno tentato la strada della mediazione, ma senza successo. E lunedì invece è stato deciso un blocco nazionale delle strade. 

Organizzazione degli Stati americani, l'Onu, l'Unione europea e anche Amnesty international - chiedono la fine delle violenze e il rispetto del diritto a manifestare pacificamente e il dialogo tra il governo e i cittadini. 

Il Presidente Maduro è convinto che dietro le proteste ci sia Washington, che sta cercando di attuare "un colpo di Stato" per rovesciare il suo governo.

Il ministro degli Esteri, Delcy Rodriguez ha accusato le opposizioni di essere responsabili dell'assalto di banda armate a un ospedale dove erano ospitati 54 bambini. "Denuncio di fronte alla comunità internazionale che bande armate ingaggiate dall'opposizione hanno attaccato il reparto maternità di un ospedale con 54 bambini", ha scritto Rodriguez su Twitter, sottolineando che Maduro ha ordinato l'evacuazione dell'ospedale.