Ankara, 14 gennaio 2018 - Una scena degna dei peggiori incubi: l'aereo in atterraggio che 'manca' la pista dell'aeroporto e va a schiantarsi sul dirupo, in bilico sul mare, a pochi metri dall'acqua. Se il carrello non si fosse incastrato nel fango, il velivolo si sarebbe inabissato nelle acque del Mar Rosso.

E' successo nella notte in Turchia, e ancora non si conoscono le cause dell'incidente. Che per fortuna (o per miracolo) non ha provocato vittime né feriti.

image

Siamo nell'aeroporto di Trabzon - ovvero Trebisonda - e l'aereo è della compagnia low cost Pegasus Airlines. A bordo ci sono 162 passeggeri terrorizzati, oltre ai due piloti e alle quattro assistenti di volo. Le immagini fanno tremare le vene ai polsi, il video dei soccorsi lascia increduli: alla tragedia è mancato davvero un soffio, pochi metri di terra.

L'aereo civile è uscito fuori pista in fase di atterraggio. Le drammatiche immagini pubblicate dalla Cnn Turk mostano l'aereo pericolosamente in bilico sulla scogliera sul Mar nero, con il carrello incastrato nel fango. Altre immagini, mostrate dall'agenzia Dogan, mostrano fumo uscire dall'aereo. La causa dell'incidente non è ancora stata accertata.

Ecco un video ripreso dall'alto:

A margine dell'avventura - a lieto fine - di passeggeri ed equioaggio da notare una curiosità: in italiano il modo di dire 'perdere la Trebisonda' viene proprio dalla città turca di Trabzon: nell'antichità era una sorta di faro per tutti i naviganti che viaggiavano sulla rotta tra Europa e Medio Oriente. E tornando ai nostri giorni, è il caso di dire che il pilota della Pegasus ha rischiato di 'perdere la Trebisonda'.