Sydney, 20 marzo 2017  - Un giovane australiano è riuscito a respingere l'attaco di un coccodrillo a pugni. È accaduto ieri pomeriggio nel fiume Johnstone presso Innisfail, nel nord Queensland, quando il 18enne Lee de Paaw aveva raccolto, dopo una festa a base di bevute, la sfida degli amici di tuffarsi nel fiume infestato da coccodrilli.

Il teenager è stato subito azzannato al braccio sinistro da un rettile, ma è riuscito a respingere l'animale a pugni sul muso con l'altro braccio. Il giovane è stato tirato a riva dagli amici ed è ora ricoverato in ospedale dove è stato operato per tentare di salvare il braccio. 

Meno fortunato invece  un uomo di 35 anni scomparso sabato mentre faceva pesca subacquea da solo 50 km a nord di Innisfail: le autorità del Queensland ne hanno recuperato oggi il corpo, si ritiene sia anche vittima di un coccodrillo. La sua barca era stata trovata ancorata sabato sera, con il fucile a fiocina che galleggiava lì vicino. È stata lanciata una ricerca aerea e per mare e il corpo è stato avvistato stamattina. Il coccodrillo responsabile, secondo i ranger, potrebbe essere lungo circa quattro metri.