Londra, 4 giugno 2017 - C'è la mano dell'Isis dietro l'ennesimo attentato, compiuto ieri sera a Londra tra il London Bridge e Borough Market. La rivendicazione - riportata dagli esperti di Site su Twitter - è arrivata in tarda serata attraverso Amaq, l'agenzia dei jihadisti, specificando che "secondo le sue fonti" è stato opera dei combattenti del 'Califfato'.

I FATTI - Tre aggressori armati di coltelli, alle 22,08 (le 23:08 in Italia), si sono lanciati a bordo di un furgone bianco a tutta velocità (almeno 80 chilometri orari) sul London Bridge. Hanno proceduto zizgagando per cercare di colpire più persone possibile. Poi nella fuga verso Borough Market, i 3 attentatori brandendo coltelli da cucina hanno accoltellato le persone che si trovavano davanti. Infine sono stati uccisi dalla polizia. Il bilancio della strage - ancora provvisorio - è di 7 morti e 48 feriti. Tra questi, sono 36 quelli ancora ricoverati in ospedale, 21 in gravi condizioni.

Una delle vittime è di nazionalità canadese, lo ha confermato il premier di Ottawa Justin Trudeau. Un'altra è francese: secondo quanto ha comunicato il ministero degli Esteri d'Oltralpe si tratta di un uomo. Scotland Yard conferma che ci vuole tempo per identificare i morti perché diversi sono stranieri. La Farnesina ha chiarito che al momento non ci sono italiani coinvolti ma le verifiche continuano e l'ambasciatore Pasquale Terracciano ha spiegato che ci sono "un paio di italiani non ancora rintracciati". L'ambasciatore si è detto "ottimista sul fatto che non avremo sorprese negative". Intanto in un blitz a est della città sarebbe stata perquisita quella che è, secondo alcuni media, la casa di uno dei killer. L'attentato avviene a pochi giorni da quello di Manchester, dove un kamikaze si è fatto esplodere al concerto di Ariana Grande. E a 4 dalle elezioni in Gran Bretagna. La minaccia terroristica "resta alta" e "sono possibili altri attacchi in Gran Bretagna".

image

MAY: ORA BASTA - La campagna elettorale in Inghilterra è stata sospesa. Ma riprenderà domani, come ha confermato Theresa May che ha riunito per un primo incontro il comitato di emergenza per la sicurezza 'Cobra'. "Enough is enough, quando è troppo è troppo", ha detto ha detto la premier britannica. "Le cose devono cambiare", ha aggiunto. La premier ha confermato che le politiche si terranno come previsto l'8 giugno. A tal proposito era arrivato anche l'appello del sindaco di Londra: "I terroristi hanno in odio la nostra democrazia. Giovedì dobbiamo andare a votare per difendere la civiltà, i diritti umani e la democrazia". Sul web, però è partita la campagna per rinviare il voto.

Videoracconto dell'attentato

GLI ATTENTATORI - Il tutto si è svolto in otto minuti: è il tempo che la polizia ha impiegato per abbattere i tre attentatori, otto minuti dopo aver ricevuto la prima chiamata di emergenza. Gli agenti hanno sparato 50 colpi in tutto per neutralizzare i tre. La polizia esclude che ce ne siano altri in fuga. Durante le operazioni un cittadino è stato ferito dalla pallottola sparata da un agente ed è ora ricoverato in ospedale in condizioni non gravi. 

Tutti e tre i killer avrebbero avuti agganciati al torace candelotti metallici, secondo le autorità 'falsi' giubbotti da kamikaze creati appositamente simili a quelli indossata da Salman Abedi nell'attacco di Manchester. In base ad alcune testimonianze i tre avevano "tratti mediorientali" e sono scesi dal furgone e urlando "lo facciamo per Allah", ma finora non è arrivata alcuna rivendicazione. La Bbc ha pubblicato la foto di uno dei presunti tre terroristi a terra con il corpo avvolto da candelotti.  Accanto a lui un agente di polizia. Sullo sfondo un secondo terrorista con accanto un secondo poliziotto. A immortalare la scena un italiano, Gabriele Sciotto, intervistato dalla Bbc stessa. Isolati per diverse ore tre ospedali di Londra per motivi di sicurezza. La Farnesina sta verificando se ci siano italiani coinvolti negli attacchi.

IL SIMBOLO / La foto del ragazzo con la birra. "Ecco perché l'Isis non vincerà mai"

BARKING_23195323_154315

IL BLITZ -  La polizia britannica ha fatto irruzione stamane in un appartamento a Kings Road, a Barking, a est di Londra, dove sono state arrestate 12 persone (VIDEO). Secondo Sky News l'appartamento perquisito sarebbe quello in cui viveva uno degli aggressori dell'attacco. Si tratta, riferisce sempre l'emittente, di un uomo dai tratti mediorientali, che aveva moglie e figli. La polizia sta facendo domande sul suo conto ai vicini.

Il tassista eroe: ho cercato di investire i terroristi

L'APPELLO DELLA POLIZIA - L'unità antiterrorismo ha lanciato via Twitter un appello: "Chiunque abbia immagini o filmati dell'incidente a #LondonBridge e #BoroughMarket per favore aiuti la polizia inviandoli a ukpoliceimageappeal.co.uk". In un comunicato diffuso sempre via Twitter il National Police Chief's Council precisa che personale specializzato esaminerà tutto il materiale in arrivo al più presto possibile, ma "considerato la grande quantità di immagini che prevediamo di ricevere, potremmo non essere in grado di rispondere ad ognuno. In ogni caso, apprezziamo le immagini che ci invierete". Nella notte Scotland Yard, sempre via Twitter, si era rivolto a chi si trovava nella zona degli attacchi: - "Run, hide, tell": scappate, nascondetevi e riferite. In un successivo messaggio, aveva poi invitato a cercare di mantenersi "calmi, ma vigili". Scene di panico e di angoscia sono state mostrate dai media e sui social fra passanti e turisti di varia nazionalità.

Attentato a Londra, cosa sappiamo finora

VIDEO / La polizia fa irruzione nel pub

 

<

Da Trump ad Alfano, tutte le reazioni

LE TESTIMONIANZE -  Diverse le testimonianze della notte del terrore. Il pulmino "andava a zig zag, cercava di prendere più persone possibile". Dal furgone sarebbero scese 3 persone che avrebbero iniziato ad attaccare i passanti con un coltello. "Questo è per Allah", avrebbero urlato i presunti terroristi durante le aggressioni. Testimoni riferiscono di aver visto gente con tagli profondi alla gola. "Una donna stava sanguinando copiosamente dal collo - racconta un testimone - e sembra che la sua gola fosse stata tagliata. Le persone nel locale hanno cercato di aiutarla ed hanno chiuso l'ingresso del pub". La zona, ad alta concentrazione turistica, é affollata di persone, in giro di sabato sera. Subito dopo l'episodio sarebbero stati uditi diversi colpi d'arma da fuoco. 

Attentato a Londra, i rilievi della scientifica. Tutti i precedenti (Lapresse)

I PRECEDENTI - La dinamica dell'attacco al London Bridge ricorda quello del 22 marzo scorso al Palazzo di Westminster dove un uomo Khalid Massod uccise 5 persone percorrendo a tuta velocità il Wesminster Bridge con un auto a noleggio, travolgendo i pedoni, per poi schiantarsi contro il cancello del Parlamento. Dinamica simile per gli attacchi di Nizza e Berlino. Ed è ancora fresco il ricordo dell'attentato di lunedì 22 maggio a Manchester, rivendicato dall'Isis. E proprio nella città dell'attacco oggi è in programma un nuovo concerto con Ariana Grande e molte altre star della musica internazionale. L'evento è stato confermato