Washington, 14 dicembre 2017 - Le meraviglie dello spazio riservano sempre nuove sorprese. L'ultima è entusiasmante: è stato scoperto un piccolo 'sosia' del nostro Sistema Solare. Il sosia è formato da otto pianeti che ruotano intorno alla stella Kepler-90, distante dalla Terra 2.545 anni luce. 

L'ottavo componente di questa 'famiglia' da record è stato scovato da un sistema di intelligenza artificiale di Google, che ha vagliato i dati relativi a 35.000 possibili pianeti raccolti dal telescopio Kepler. E Google festeggia con un tweet, ritwittato dal sito della Nasa:

Ad annunciare la scoperta, pubblicata sull'Astronomical Journal, è stata la Nasa: proprio nel giorno del ritorno sulla Terra di "AstroPaolo", in una conferenza stampa ha spiegato che gli otto pianeti orbitano intorno alla stella Kepler-90 a una distanza inferiore a quella che separa la Terra dal Sole. Il pianeta Kepler-90i orbita attorno alla sua stella ogni 14,4 giorni: è roccioso e così caldo da essere inospitale per la vita.

È stato scoperto grazie a un sistema di intelligenza artificiale che imita il funzionamento delle reti di neuroni del cervello umano: grazie a un meccanismo di apprendimento automatico, il sistema è stato addestrato a riconoscere le variazioni di luminosità della stella registrate da Kepler, che indicano il transito di un pianeta.

"Proprio come pensavamo, ci sono emozionanti scoperte ancora nascoste nell'archivio dati di Kepler, in attesa degli strumenti e delle tecnologie capaci di scovarle - esulta Paul Hertz, direttore della divisione di astrofisica della Nasa a Washington - Questa scoperta dimostra che i nostri dati costituiranno un vero tesoro per i ricercatori innovativi per gli anni a venire".