Roma, 27 dicembre 2017 - Il balzo in avanti di un anno secco nell’età pensionabile per le lavoratrici dipendenti private penalizzerà principalmente le donne nate nel 1953 che, per un terribile gioco di incroci e requisiti, finiranno per poter andare in pensione di vecchiaia solo nel 2020. Mentre le nate nel 1952 sono di fatto quasi tutte in pensione, per effetto di un paio di eccezioni previste fin dal varo della riforma Fornero. Con il risultato complessivo che, nei prossimi dodici mesi, saranno pochissime le lavoratrici private che andranno in pensione di vecchiaia.

A queste conclusioni si arriva tirando un po’ di somme sugli intrecci tra regole previdenziali e classi di età. Ebbene, se anche nel corso del 2018-2019 fosse rimasta valida l’età prevista per il pensionamento di vecchiaia nel 2016-2017, 65 anni e sette mesi, le lavoratrici nate nel 1953 avrebbero raggiunto la soglia nel corso dell’anno che comincia e da agosto prossimo avrebbero potuto agguantare l’assegno. Il cambio in corsa, invece, finisce per produrre lo spostamento in avanti di un anno dell’età: dunque, al 2019, ma in quell’anno scatterà l’incremento per tutti a 67 anni. Il che spingerà le nate nel 1953 al 2020, quando finalmente avranno raggiunto i 67 anni. Una doppia penalizzazione, insomma. Con beffa incorporata.

Sorte ben diversa hanno avuto o hanno le lavoratrici private nate nel 1952. Premesso che queste ultime sono state comunque la prima platea per età di nascita che più ha subito, nel 2011-2012, i contraccolpi della riforma Fornero, possiamo comunque dire che di certo non subiranno l’ulteriore beffa destinata alle nate del 1953. Le lavoratrici dipendenti private nate nel ’52, infatti, se hanno cominciato a lavorare entro i 23 anni di età hanno potuto lasciare il lavoro negli anni passati attraverso la vecchia pensione di anzianità o la nuova cosiddetta anticipata. Se sono nate entro il 31 maggio 1952, hanno maturato l’età pensionabile di 65 anni e 7 mesi nel corso del 2017 e sono andate via o comunque possono farlo quando vogliono. Ma, anche se sono nate dopo il 31 maggio 1952, hanno potuto lasciare il lavoro fin dal 2016 (a 64 anni) o possono farlo quando ritengono, a condizione di aver conquistato 20 anni di contributi entro la fine del 2012.

Si comprende, dunque, che restano fuori gioco pochi e marginali casi di dipendenti private che, nate nel 1952, dovranno attendere i 66 anni e 7 mesi per poter andare in pensione di vecchiaia. La somma delle due "tendenze" è che nel corso del 2018 (ma anche 2019) non solo le lavoratrici private nate del 1953 saranno costrette a rimanere al lavoro un anno e 5 mesi in più (con ricadute anche sul mercato del lavoro), ma anche che di fatto avremo pochissimi pensionamenti di vecchiaia di donne del settore privato, perché quelle che potrebbero andare via lo hanno fatto prima. Le uscite di vecchiaia, dunque, potranno riguardare quasi esclusivamente le lavoratrici del pubblico impiego e quelle autonome nate entro maggio del 1952, perché solo queste ultime raggiungeranno i 66 anni e 7 mesi previsti entro l’anno che comincia.