Notizie locali Bologna / Modena / Pesaro / Rimini / Firenze / Arezzo / Livorno / Prato / Milano / Bergamo / Lodi / Monza Brianza Tutte le città

Merkel: "Impressionanti le misure di Monti"

La Cancelliera e Sarkozy: "Aiuteremo l'Italia" -

Al vertice di Strasburgo tengono banco le misure anticrisi. Il premier italiano propone: "Ora l'Unione fiscale". Francia e Germania: "Trattati da modificare". Ma Berlino mantiene i paletti. "La Bce non si tocca e niente Eurobond"

 

Angela Merkel, Mario Monti e Nicolas Sarkozy (Ansa)

Strasburgo, 24 novembre 2011 - Francia, Italia e Germania sono unite a sostegno dell'euro e consapevoli della gravità della situazione: "Siamo tutti e tre determinati a lavorare nello stesso senso, per sostenere l'euro". Lo ha affermato il presidente francese Nicolas Sarkozy, nella conferenza stampa al termine del vertice di Strasburgo con il presidente del Consiglio Mario Monti e con la cancelliera della Germania Angela Merkel (arrivata in ritardo causa guasto aereo): "Siamo perfettamente coscienti della gravità della situazione - ha specificato Sarkozy -, ma abbiamo piena fiducia nel governo italiano. C'è la nostra volontà, mia e anche di Merkel, di sostenere e aiutare l'Italia" ha continuato il presidente francese. E il cancelliere tedesco ha aggiunto: "Le misure strutturali previste da Monti sono impressionanti. Auguriamo al nuovo presidente del Consiglio pieno successo per un lavoro non semplice e lo sosteniamo''.

 

RISANARE CONVIENE - Il premier italiano, incassata la fiducia dei partner, ha chiarito: "Ho illustrato al presidente Sarkozy e alla cancelliera Merkel il programma in corso di articolazione del Governo che ho l'onore di presiedere e ho insistito sull'interesse dell'Italia, al di là dei vincoli europei, di perseguire in modo rigoroso gli obiettivi di consolidamento della finanza pubblica entro termini serrati, confermando l'obiettivo del pareggio di bilancio nel 2013". Monti non ha risparmiato le promesse: "Come tutti i Paesi Ue intendiamo fare nostro compito a casa. L'alto debito ci impone sforzi particolari e obiettivi ambiziosi. Ma vogliamo anche dare il nostro contributo alla soluzione di problemi comuni".

 

EUROBOND? NEIN, DANKE - Con quali ricette? Gli eurobond "non sono necessari" ha ribadito Angela Merkel, precisando che "le posizioni della Germania non sono cambiate" ma che la questione oggi "non è essere a favore o contro "E' pericoloso parlare di eurobond senza parlare di governance e parlare di governance, senza parlare di sanzioni", è stato più morbido Sarkozy. In ogni caso Francia, Germania e Italia hanno concordano sulla necessità di "rispettare l'indipendenza" della Bce. "Su questa istituzione - ha scandito bene le parole il presidente francese - è essenziale astenersi da giudizi positivi o negativi". E le debolezze dell'area euro? "Devono essere superate passo dopo passo - ha proclamato la Merkel -. Il mio discorso di ieri non ha cambiato nulla, se facciamo il primo passo per rendere il patto di stabilità più forte questo è un passo, ma siamo ancora lontani da avere tutti le stesse idee. Ogni Paese ha delle idee per il futuro del patto di stabilità. Gli eurobond o stability bond, comunque si chiamino, cercano di livellare la competitività e questo è un segnale sbagliato. Bisogna invece dire quello che non si deve fare o che si deve continuare a fare, riconquistare la fiducia e arrivare dove eravamo prima della crisi, ai tassi d'interesse pre-crisi, e se tutti lavoriamo in maniera logica verso un processo di convergenza ci si potrà arrivare altrimenti ci si indebolirà tutti".

 

CONTRASTO FORTE - Permane pertanto, sullo sfondo del ‘mini-summit’, lo scontro tra Francia e Germania sul ruolo della Bce e il ‘no’ sempre più ostinato di Berlino agli eurobond. Ancora stamattina il ministro degli Esteri francese Alain Juppè aveva infatti ribadito: "La Banca centrale europea deve recitare un ruolo essenziale per ristabilire la fiducia”. Concetto respinto in toto dalla Germania,  contraria a cambiare il mandato della Bce, che - secondo Berlino -  non deve diventare un ‘prestatore di ultima istanza’, sul modello della Federal reserve americana, come si sollecita ormai da settimane in un tentativo di contenere la crisi. Gia sugli Eurobond era scoppiato ieri un evidente caso diplomatico. Il ‘Libro verde’ della commissione europea con tre opzioni per l'introduzione degli Eurobond e l'invito di Barroso a non avere posizioni dogmatiche avevano profondamente irritato Berlino.
 

 

UNIONE FISCALE - Più aperto Monti: "Dobbiano andare verso una unione fiscale se vogliamo dare una stabilità radicale all'Eurozona e questo richiede regole e meccanismi per una applicazione sicura di quelle regole". In questo quadro, secondo Monti, "gli eurobond potrebbero dare un contributo significativo". "E' stata una discussione molto costruttiva di tre grandi economie della zona euro ed è importante che abbiamo potuto scambiarci le idee e conoscere i piani del nuovo governo italiano e cosa c'è nella sua agenda", ha concesso la Cancelliera.

 

AGGIORNAMENTO DEI TRATTATI - In ogni caso Francia e Germania ''presenteranno nei prossimi giorni proposte comuni di modifica dei trattati per migliorare la governance della zona euro e perché ci sia più integrazione e convergenza nelle politiche economiche'', anticipa Nicolas Sarkozy. Possibile che si vada più a fondo già nel prossimo vertice trilaterale in programma in Italia: "Sono lieto che il presidente Sarkozy e la cancelliera Merkel abbiano accettato l'invito a venire presto a Roma per proseguire questa discussione fruttuosa", ha annunciato il presidente del Consiglio, Mario Monti, ma stando ben attento a non urtare la suscettibilità degli altri Paesi membri: "E' inutile sottolineare - ha aggiunto il premier - che una stretta collaborazione non vuol dire il venir meno dello spirito comunitario. Metteremo questa collaborazione a disposizione di un beneficio più ampio". Sulle proposte di modifica dei trattati europei "c'è un accordo tra me, Monti e la Merkel - precisa Sarkozy -. Presenteremo i dettagli prima del 9 dicembre. Intanto lavoriamo assieme e ci scambiamo informazioni tutti i giorni".

 

DISSIDIO FRANCO-TEDESCO - A proposito della riforma dei trattati e più in particolare della prospettiva di un'unione fiscale europea la Merkel ha precisato che "ci stiamo occupando dei dettagli, ce ne occupiamo a livello politico. Ci sono delle proposte, ma non c'entrano niente con la Bce. Come dice Sarkozy, la Bce è indipendente e quindi la revisione del Trattato Ue non la riguarda". Messaggio forte e chiaro. Poco apprezzato dai mercati, subito in flessione, rispetto ai pronunciati rialzi della mattina.

 

LE MONDE AFFERMA - Secondo il quotidiano più prestigioso di Francia, Nicolas Sarkozy ''è particolarmente irritato dopo il fallimento del summit con Monti e Merkel'' di oggi a Strasburgo: lo scrive Arnaud Leparmentier, giornalista di Le Monde che segue l'Eliseo, spiegando che i tre ''hanno deciso di non parlare della Bce'' perché ''in disaccordo totale sul suo ruolo'' per salvare l'euro. ''Sarkozy - spiega ancora il giornalista de Le Monde - vuole che la Bce voli in soccorso degli Stati in fallimento. Monti non vuole, ma difende l'idea di avere gli eurobond per ripartire il rischio finanziario in Europa. Merkel non vuole cedere sulla Bce né accettare gli eurobond, accusati di azzerare le pressioni dei mercati sui Paesi meno virtuosi". Le Monde ricorda anche che a Strasburgo la Merkel ha esaltato la politica Ue ''della concorrenza, facendo cosi' grande piacere a Monti, ex commissario alla concorrenza, ma anche grande fastidio a Sarkozy, che detesta questa politica della concorrenza e vuole ridare potere ai politici''.

 

comments powered by Disqus
Altri articoli ...
Ultimi articoli commentabili

  • Notizie Locali
  • il Resto del Carlino:
  • La Nazione
  • Il Giorno
  • Blog
Copyright © 2013 MONRIF NET S.r.l. - Dati societari - P.Iva 12741650159, a company of MONRIF GROUP