Roma, 4 ottobre 2017 - Il Centro Epson Meteo, con una nota, sintetizza le previsioni meteo per le prossime ore e per i prossimi giorni. In sostanza sono confermate le tendenze illustrate già da lunedì, ma ora emergono i dettagli. In questa fase - spiegano gli eesperti - prosegue "l'instabilità all'estremo Sud a causa delle persistenza di un vortice di bassa pressione sul Nord Africa. Tra oggi e domani la Sicilia e la bassa Calabria saranno ancora a rischio di piogge e temporali anche di forte intensità. Tempo più stabile sul resto dell'Italia grazie alla temporanea espansione dell'Anticiclone delle Azzorre. Non mancheranno comunque un po' di nuvole, specialmente nella giornata odierna". Poi la svolta. "Per venerdì - affermano i meteorologi di Meteo-it - si conferma il passaggio di una veloce e intensa perturbazione proveniente dal Nord Europa: tempo in peggioramento in molte regioni, con forti venti settentrionali che tra venerdì e sabato faranno calare bruscamente le temperature in tutto il Paese, con valori quasi ovunque inferiori alla norma".

La perturbazione attraverserà tutta l'Italia

Nel dettaglio, venerdì la perturbazione numero 3 del mese valicherà le Alpi e coinvolgerà le regioni centrali e a fine giornata quelle meridionali. Al mattino area instabile con primi rovesci o temporali intorno all'alto Adriatico, specie la Venezia Giulia e tra Emilia orientale e Romagna, piogge isolate anche tra Lazio, Umbria e Campania e deboli precipitazioni nelle zone di confine in Valle D'Aosta e Alto Adige con neve fino a 1600 metri di quota. Abbastanza soleggiato su Puglia, alto Ionio, Sardegna e pianura piemontese. Nel pomeriggio l'area instabile si estenderà con rovesci o temporali su Emilia Romagna, zone interne e adriatiche del Centro, con i fenomeni più importanti e localmente forti tra Umbria orientale, Marche e Abruzzo. Qualche pioggia isolata in Campania in estensione alla Calabria tirrenica, residue nevicate al confine in alto Adige con quota neve in calo fino a 1300-1400 metri.

La sera l'area instabile si dirigerà verso Sud con rovesci o temporali su medio Adriatico in estensione a Campania, Basilicata in trasferimento nella notte a Puglia, Calabria e Sicilia tirrenica. Alle spalle del fronte perturbato si faranno strada delle schiarite. Insieme alla perturbazione arriverà aria piuttosto fredda in quota con temperature massime in calo anche sensibile nel settore alpino, al Nord Est, tra zone interne e adriatiche del Centro e in Sardegna. Rialzi possibili sul settore ionico e valori stazionari su pianure del Nord Ovest e Liguria per l'effetto del Foehn. Clima molto fresco anche per effetto dei venti che soffieranno da moderati a forti, di Bora sull'alto Adriatico, di Maestrale nelle Isole con raffiche anche di 70-90 km/h in Sardegna, di Foehn o Tramontana al Nordovest.

Sabato e domenica, meteo quasi invernale

Il weekend sarà all'insegna delle temperature basse. Sabato la perturbazione tenderà ad allontanarsi verso i Balcani con locali e residue precipitazioni ancora possibili solo sul medio e basso Adriatico e tra la Calabria e la Sicilia settentrionale principalmente nella prima parte della giornata e in esaurimento già nel pomeriggio. Altrove schiarite ampie e diffuse. Giornata ancora ventosa per venti settentrionali su medio Adriatico, Sud e Sicilia. Temperature in calo nelle minime al Centro Nord e in Sardegna, nelle massime al Nord Ovest e al Centro Sud con e cali importanti su Abruzzo, Sud e Sicilia. Domenica venti in attenuazione e clima fresco a inizio giornata ma con primi rialzi nelle massime su settore adriatico, un po' di nuvole potrebbero tornare ad affacciarsi al Nord e sule settore tirrenico.

Previsioni meteo, arriva il freddo: giù anche di 10°. Ecco dove andrà peggio

Sulle Alpi il crollo termico più sensibile

Ilmeteo.it fa un focus sul freddo e spiega che in Pianura Padana si scenderà anche a 5 gradi di notte e a quote medie si potranno registrare le prime gelate. Per quanto riguarda le Alpi 3bmeteo.com annuncia un vero e proprio tracollo termico: "Le temperature caleranno anche di 12-13 gradi. Guardando i modelli a 1.500 metri circa si passerà dai 16/18 gradi di giovedì ai 0/2 gradi del fine settimana". Meteogiornale.it, nel suo editoriale, rendere perfettamente l'idea della situazione che si configuererà nel weekend: "Definitelo freddo, fresco, quel che è certo è che avremo temperature inferiori alle medie del periodo". Insomma, è meglio tirare fuori i cappotti dall'armadio.