Roma, 6 giugno 2017 - Preso d'assalto il sito del Miur. Sono finalmente online le commissioni esami di Stato 2017, informazioni cruciali che gli studenti attendevano con ansia in vista della maturità 2017. Come annunciato ieri dal Ministero, l'elenco dei commissari esterni è stato pubblicato nel pomeriggio in Rete, dopo essere stato diffuso ieri nelle scuole. Tutti (tanti, a giudicare la mole di ricerche) quelli che non hanno potuto o voluto consultare la lista direttamente negli istituti, sono però rimasti incollati al web per tutta la mattina, in attesa che venisse diffusa. E il fatidico momento è infine arrivato, poco prima delle 16 l'elenco è stato pubblicato online con annesso tweet del ministero. Ricordiamo che la prima prova, il tema, è in prorgamma mercoledì 21 giugno. 

Maturità 2017, è scattato il toto-tema. Ecco i più gettonati

DOVE TROVARE LA LISTA - I nomi dei commissari esterni sono consultabili sull'apposita pagina del sito del Miur, divisi per città e per istituto. Dai licei agli istituti tecnici. Per chi ancora non lo sapesse, le commissioni sono composte da tre professori di tre materie diverse che cambiano a seconda dell’indirizzo di studio. I commissarri esterni possono essere professori, supplenti o presidi di scuola di ogni grado e indirizzo.  Vengono scelti dal Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca).

Qui la lista dei commissari esterni città per città

COSA POSSONO CHIEDERE - Sulla materia in cui sono abilitati a insegnare, secondo quanto riporta Skuola.net, i commissari esterni possono chiedere qualsiasi cosa. Esempio: nel caso un prof esterno di fisica fosse abilitato a insegnare anche matematica, potrebbe rivolgere domande inerenti a qulla materia e, chiaramente, limitate al programma presentato. Uno dei consigli senza tempo, per gli studenti, è quello di curare il più pessibile la tesina. I commissari esterni spesso sono molto sensibili all'elaborato, da cui prendono spunto per fare domande legate al programma. 

LA STRATEGIA DEGLI STUDENTI - Ci sono alcune regole per affrontare al meglio l'affaire commissari esterni. Studenti.it ha pubblicato 5 consigli per non farsi trovare impreparati davanti al prof 'inedito'. 

1 - L'educazione. Mai abbandonare un atteggiamento formale. Rivolgersi al commissario sempre con il "Lei" e mai con il "tu".
2 - Prime mosse. Già durante gli scritti si possono osservare i professori per capire (e carpire) qualche tratto della loro personalità. Dai dettagli si possono dedurre le aspettative dei commissari
3 - Un sorriso non guasta mai. Non è facile, sotto pressione, ricordarsi di essere sorridenti e cordiali. Ma potrebbe tornare utile per ben disporre chi si trova di fronte allo stuedente.
4 - L'interesse. Non importa che la loro materia non sia in cima alle preferenze del maturando. Mostrarsi coinvolto e interessato farà sicuramente cosa gradita.

CACCIA APERTA - Una recente indagine di Skuola.net svelava come 4 studenti su 5 fossero interessati a conoscere il nome dei commissari esterni. Svelata l'identità, partiva la caccia al 'profilo' del prof: il 32% vuole sapere stranezze, fisse personali, tipo d'approccio alla propria materia, segni particolari. Il 28% è interessato alle domande più frequenti fatte dai prof ai loro studenti, mentre il 16% preferisce conoscere la personalità dei commissari. Sorpresa: la severità non preoccupa più di tanto. Solo il 13% si premura di informarsi sulla rigidità con cui i commissari mettono i voti.

La strategia degli studenti