Roma, 17 luglio 2017 - Una pineta in fiamme, il traffico in tilt e una densa colonna di fumo che ha invaso persino la spiaggia. In un'altra giornata di roghi, è critica la situazione dell'incendio a Roma, divampato nella pineta di Castel Fusano. Il fuoco, partito intorno alle 15 da più punti della boscaglia, si è presto propagato a causa del vento e la nube di fumo ha invaso anche la spiaggia di Ostia. Scene simili a quelle vissute ieri dai bagnanti a Capalbio: in molti si sono dati alla fuga dal bagnasciuga. Le fiamme sono anche arrivate vicino alle case, che sono state evacuate. Poche ore dopo l'inizio del rogo è stato: si tratta di un idraulico di 22 anni sorpreso nell'area in cui ha avuto origine l'incendio. Sul posto è arrivata la sindaca della Capitale Virginia Raggi. "E' una situazione gravissima", ha detto. Ieri la Regione Lazio ha chiesto al governo lo stato di emergenza. Intanto resta critica la situazione in Campania, dove gli incendi hanno provocato la prima vittima.

IPOTESI DOLOSA - Secondo le prime informazioni, il giovane arrestato intento ad appiccare le fiamme è originario di Busto Arsizio, in provincia di Varese. E' stato fermato dai carabinieri della Stazione di Acilia. Quando è stato notato era accovacciato a terra e stava dando fuoco a dei fazzoletti di carta. Alla vista dei carabinieri ha tentato di nascondersi nella vegetazione. L'idraulico è stato arrestato e verrà portato nel carcere di Regina Coeli a disposizione dell'Autorità giudiziaria.

PINETA IN FIAMME - Sono giorni che Roma imperversano gli incendi. In tarda mattinata un vasto rogo si è sviluppato in via di Grottarossa, in un campo proprio di fronte all'ospedale Sant'Andrea. La strada è stata chiusa. Ma l'emergenza più grave riguarda appunto la pineta di Castel Fusano, vicino al litorale. Nel primo pomeriggio il fuoco, divampato in più punti, si è rapidamente diffuso a causa del forte vento, tanto da arrivare a lambire le case. Per questo motivo diverse abitazioni sono state evacuate, i vigili del fuoco sono al lavoro per mettere in sicurezza la zona e soccorrere le persone che stanno fuggendo dalle loro case.

TRAFFICO IN TILT - A causa della densa nube di fumo propagatasi dall'incendio, il traffico è stato interrotto: è stata chiusa la via Cristoforo Colombo da Casalpalocco a Ostia, in entrambe le direzioni. Chiuso anche viale della Villa di Plinio tra la Cristoforo Colombo e Via dei Pescatori. Dopo la chiusura delle strade il traffico è andato in tilt: i forti disagi, registra 'Luce verde', si hanno su Via del Mare e Via Ostiense dalla rotatoria di Ostia Antica al Lungomare.

FUMO IN SPIAGGIA - L'enorme colonna di fumo è visibile anche da lontano, dalla città come dalla spiaggia di Ostia. Dai primi rilievi sembra che il fuoco si sia propagato in tre punti differenti e dunque, secondo quanto si apprende, non si escluderebbe l'origine dolosa. "Vediamo una colonna di fumo altissima, il cielo in lontananza è nerissimo, è un incendio grande", hanno raccontato alcuni bagnanti di uno stabilimento di Ostia. "Alcuni sono già andati via, soprattutto chi era con i bambini - spiegano - quello che si vede in lontananza non è certo rassicurante". La Regione Lazio fa sapere che sul campo sta intervenendo anche la protezione civile, con "cinque elicotteri, un canadair, sei autobotti e venti squadre tra operatori e volontari in collaborazione con i Vigili del Fuoco. Si ricorda che per ogni emergenza è possibile fare riferimento alla Sala Operativa Permanente al numero 803.555''.

RAGGI - Sul posto è giunta anche la sindaca della Capitale Virginia Raggi. "È una situazione gravissima - ha detto -, non si esclude alcuna ipotesi sulle cause. C'è la necessità che sia presa in carico da tutti, il Municipio non può essere lasciato solo. Serve l'aiuto della Regione e del Governo. Roma non può essere lasciata sola di fronte a questo disastro ambientale". Quanto alla notizia dell'arresto di un presunto piromane, ha aggiunto: "Dalla dinamica sembra che non possa essere un incendio spontaneo, ma attendiamo le indagini".